BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

PLAY OFF SERIE B/ Sannino: il mio Varese una squadra di "muratori". Futuro? Spero in A...(esclusiva)

Giuseppe Sannino tecnico del Varese Giuseppe Sannino tecnico del Varese

 

Lei, oltre che come tecnico, è conosciuto per le sue doti di motivatore. Come si preparano gare di quest’importanza?

Quando si arrivano a giocare delle finali come queste, il calciatore trova dentro di sé la forza adatta. Io cerco di stemperare la tensione, anche perché da qui all’inizio della partita l’adrenalina salirà sempre di più. Non c’è molto da dire, la posta in palio, in questi casi, è talmente alta che ad un allenatore tocca, più che altro, raffreddare gli animi.

 

Come vede il suo futuro dopo questi playoff?

Ovviamente adesso penso solo alle prossime due partite, sperando che ce ne siano altre due… Io vado avanti per la mia strada, Varese mi ha dato tantissimo ed il pubblico è stato sempre straordinario nei miei confronti. Se ci saranno chiamate importanti, vedremo, ma se non ci saranno non me ne farò un cruccio. Garantito.

 

Il suo nome è stato accostato alla panchina del Palermo. Ha mai avuto contatti con Zamparini o con altri presidenti di A?

No, mai. Ho avuto solo un ‘pour parler’ col Bologna (che poi ha scelto Bisoli, ndr), qualche tempo fa, ma nulla di definito. Nella mia carriera nessuno mi ha regalato niente, ho sempre lavorato sodo. Se ci sarà qualche possibilità di allenare in A, ben venga, sarebbe la prima volta per me. A Napoli si dice ‘nessuno nasce imparato’, per me la A sarebbe una sfida nuova. Ma per ora sto bene a Varese, dove mi piacerebbe essere ricordato a lungo per quello che ho fatto qui.

 

(Alessandro Basile)

© Riproduzione Riservata.