BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

CALCIOMERCATO/ Juventus sul “ripiego” Rossi. Luis Enrique a Roma: una pianta tropicale in Siberia. Parla De Benedetti (esclusiva)

Luis Enrique neo tecnico giallorosso (Foto Ansa) Luis Enrique neo tecnico giallorosso (Foto Ansa)

 

Può essere Kakà il mister X del Milan?

In passato il brasiliano è stato vicino al Chelsea, adesso non so proprio dove possa andare. Lui è un altro che in Spagna non ha mai mostrato il suo vero potenziale. Il problema principale è sempre quello, l’ingaggio, visto che guadagna 10 milioni all’anno.

 

Sanchez è ormai vicinissimo al Barcellona. Secondo lei il cileno riuscirà a confermarsi in quella che è la squadra più forte del mondo?

Mi sembra che ci siano tutti i presupposti per un matrimonio lungo e felice. Anche se, come per tutti i nuovi acquisti della squadra di Guardiola, prevedo un inserimento faticoso. All’inizio potrebbe fare tante panchine, bisognerà vedere se lui avrà la pazienza di sopportarle. Tralasciando Messi, davanti ha gente come Villa e Pedro: non sarà affatto facile per lui ma sono fiducioso.

 

Come sarà la Roma di Luis Enrique?

Luis Enrique è un tecnico che mi piace molto, trovo affascinante la sua filosofia di gioco. Ma non credo che riuscirà ad applicarla alla Roma, non ci sono le condizioni adatte; sarebbe come trapiantare una pianta tropicale in Siberia. Per giocare come vorrebbe lui, dovrebbe avere dei giocatori addestrati fin da giovanissimi al calcio alla catalana. E poi la sua scarsa esperienza potrebbe farlo diventare un facile bersaglio per i tifosi. Spero che questo non accada, comunque, perché lo stimo molto.

 

I giallorossi hanno preso il giovane Josè Angel, come giudica il suo acquisto?

In tutta sincerità, l’ho visto giocare tre volte al massimo, e non mi sono soffermato molto sulle sue prestazioni. Mi fido dei giudizi positivi espressi sul suo conto, ma si tratta di una grossa scommessa.