BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

CALCIOMERCATO/ Inter, Milan, Juventus e Roma: le novità a -7 dalla fine (esclusiva)

Samuel Eto'o (Foto Ansa) Samuel Eto'o (Foto Ansa)

Sbagliato, a mio giudizio. Luis Enrique vuole dimostrare troppo di essere un duro, tutto d’un pezzo mentre, secondo me, un bravo allenatore deve anche saper gestire le situazioni difficili. Detto questo, però, anche Totti ha le sue colpe. E’ ancora il migliore della Roma, ed uno dei migliori in Italia, ma ha 35 anni, deve imparare ad accettare le critiche. Non è possibile che ad ogni sua panchina succeda il pandemonio. Era successo qualcosa di simile anche con Spalletti, Ranieri, insomma è una storia che si ripete.

Osvaldo sembra in dirittura d’arrivo e si parla di un’offerta per Montolivo. Con questi due tasselli sarebbe una Roma da primissime posizioni?

Secondo me la Roma è una gigantesca scommessa. Ha dato via degli ottimi giocatori come Mexes, Vucinic e Menez e sta per dare via anche Borriello, con il quale ha combinato un pasticcio pazzesco; impiegandolo in Europa League, non ha fatto altro che deprezzarlo. Lamela e Bojan, devo dire, sono stati ottimi acquisti ma, comunque, in assoluto, non cambierei mai troppo e tutto insieme. E’ un po’ lo stesso discorso fatto per la Juve.

Passando all’altra sponda della capitale, vediamo una Lazio alle prese col caso Zarate. L’argentino sembra non poterne più di Reja.

Mi sembra una situazione quasi insolubile. Zarate è un ottimo giocatore, decidessi io lo terrei, ma conta pure quello che dice l’allenatore, in questi casi. Parliamo di un ragazzo che non riesce proprio ad integrarsi. Lotito vuole 20 milioni per cederlo, ma mi pare difficile che qualcuno sborsi una cifra simile.

In definitiva, cosa dobbiamo aspettarci da queste ultime, decisive battute del mercato?

Penso che l’Inter una sorpresa la farà, Forlan a parte. Per il resto, è molto difficile fare previsioni.

La sua griglia di partenza, al momento?

Obbligata: le milanesi davanti a tutte, poi vedo bene la Juve, ma non per lo scudetto, direi per un secondo-terzo posto. E ancora, Napoli e romane sullo stesso livello, anche se credo che gli azzurri possano fare qualche punto in più rispetto allo scorso anno.

 

(Alessandro Basile)

© Riproduzione Riservata.