BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CALCIOMERCATO/ Inter Roma: Ruiz e Lezcano? Non sono da Serie A, parola di Stefano Borghi (esclusiva)

Pubblicazione:venerdì 5 agosto 2011 - Ultimo aggiornamento:venerdì 5 agosto 2011, 16.31

Walter Sabatini (foto Ansa) Walter Sabatini (foto Ansa)

CALCIOMERCATO INTER ROMA - Il gossip del calciomercato si infittisce in questi ultimi giorni anche a causa delle tante partite - amichevoli e non - che si cominciano a disputare. Roma e Inter sono in agguato per piazzare qualche colpo e il calcio sudamericano inevitabilmente affascina i tifosi e addetti ai lavori. La possibilità, sancita dal Consiglio Federale, di aprire le frontiere e tesserare il secondo extracomunitario per la prossima stagione calcistica ha rilanciato con forza l'interesse dei nostri club nei confronti dei giovani talenti che popolano i campionati di Argentina e Brasile. La Coppa America è stata una vetrina esaltante e il Mondiale Under 20 - in corso di svolgimento in Colombia - una ghiotta occasione per permettere ai talenti sudamericani di mettersi in mostra ancora una volta. Negli ultimissimi giorni due grandi club italiani, Roma e Inter, hanno messo nel mirino due giovani attaccanti, che potrebbero tornare utili alle rispettive cause: si tratta di Dario Lezcano (Thun) e Alan Ruiz (Gymnasia La Plata). In esclusiva a ilsussidiario.net è intervenuto Stefano Borghi, giornalista sportivo di Sportitalia e grande conoscitore del mercato sudamericano, per parlarci di questi due talenti del domani. "Lezcano è un trequartista offensivo: ha un fisico possente a cui accompagna una buona tecnica - spiega Borghi - e soprattutto è un giocatore che vede la porta": questa è la descrizione che il giornalista fa del ragazzo, classe 1990, che tuttavia chiarisce come Lezcano, sinora, "ha giocato a lungo in Svizzera, non proprio quello che potremmo definire un palcoscenico significativo a livello internazionale". Prosegue Borghi: "Sicuramente è un buon giocatore, salito alla ribalta della cronaca dopo che ha giocato e segnato contro il Palermo, ma non credo proprio che possa essere la risoluzione dei problemi della Roma. Sabatini potrebbe prenderlo per poi inserirlo in qualche scambio, nulla più. Insomma, non credo che sia affatto un giocatore da Roma" sentenzia Borghi, che ritiene l'interesse giallorosso per Lezcano "un innamoramento estivo". L'esperto sposta poi l'interesse su Alain Ruiz, talento del Gymnasia La Plata, di cui però non sembra essere entusiasta: "è molto giovane - è un classe 1993 - e quest'anno ha giocato pochissimo nel club, che tra l'altro è retrocesso in serie cadetta - dice Borghi - al termine di una stagione che l'ha visto raccogliere una manciata di presenze". Insomma, non sembra proprio che si tratti di un talento purissimo: "Ha un buon piede, ma è molto giovane e deve ancora crescere, strutturarsi e maturare - ammette Borghi - l'Inter potrebbe seguirlo in prospettiva, ma sia chiaro: i giocatori da Inter sono altri". Sembra quindi che questa volta le due compagini italiane non abbiano puntato su due "fenomeni", anche perchè secondo Borghi il vero talento argentino - Lamela - è già approdato in Italia.


  PAG. SUCC. >