BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PAGELLE/ Milan-Inter (2-1): i voti, la cronaca e il tabellino del match (Supercoppa Italiana 2011)

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Zlatan Ibrahimovic (foto Ansa)  Zlatan Ibrahimovic (foto Ansa)

MILAN-INTER (2-1) SUPERCOPPA ITALIANA 2011 - Il Milan batte l'Inter per due reti ad una e alza al cielo di Pechino la Supercoppa Italiana 2011, la sesta della storia rossonera. I gol decisivi, entrambi messi a segno nella ripresa, portano le firme autorevoli di Ibrahimovic e Boateng, che hanno ribaltato il parziale della prima frazione, conclusasi per una rete a zero in favore dell'Inter grazie ad una prodezza di Wesley Sneijder su punizione. La partita, piacevole e giocata a buon ritmo per tutti i novanta minuti, è sicuramente stata un bellissimo spot per il nostro calcio in terra d'Oriente. 

SINTESI PRIMO TEMPO - L'avvio di gara vede l'Inter partire arrembante, grazie soprattutto ad un Ricky Alvarez che, sulla fascia sinistra, mette spesso in difficoltà un Abate in non perfette condizioni fisiche. La superiorità nerazzurra, parsa evidente soprattutto a centrocampo - dove Gasperini schiera 5 uomini - si concretizza a metà del tempo, quando il solito Wesley Sneijder estrae dal cilindro una sensazionale punizione che si infila sotto l'incrocio dei pali alle spalle di un incolpevole Abbiati. I nerazzurri hanno però il grosso limite di non perseverare nel cercare di affondare i colpi, permettendo al Milan una lenta ma costante crescita, concretizzata in un progressivo avanzamento del proprio baricentro. Sul finire del tempo il Milan, ritrovati i tempi della manovra e la grinta, comincia a premere con forza sulla retroguardia dell'Inter, arrivando con Ibra (palo) a sfiorare il pareggio. 

SINTESI SECONDO TEMPO - L'Inter si perde definitivamente nel corso dell'intervallo: la squadra di Gasperini rientra in campo cambiata nel modulo (passando dal 3-4-3 al 4-1-4-1) e nello spirito. Il Milan, dal canto suo, continua a giocare come nella parte finale del primo tempo: con grinta, rabbia e foga, tutte caratteristiche nelle quali gli avversari hanno evidenziato preoccupanti lacune. Il gol di Ibrahimovic - incornata di testa su assist di Seedorf - a mezz'ora dal termine, che permette al Milan di trovare il pareggio, segna la definitiva uscita di scena dal campo dell'Inter. Il gol di Boateng, dieci minuti più tardi, arriva come logica conseguenza di una netta predominanza rossonera nel gioco e fissa il risultato sul definitivo due a uno. Il Milan vince così il primo trofeo della stagione 2011/2012, mandando subito un segnale chiaro a cugini e avversari: per lo scudetto noi siamo pronti. 

 

CLICCA SUL SIMBOLO >> PER CONTINUARE A LEGGERE LE PAGELLE E IL TABELLINO DEL MATCH MILAN-INTER (2-1) DI SUPERCOPPA ITALIANA 2011



  PAG. SUCC. >


COMMENTI
06/08/2011 - parzialità (silvano strippa)

non sono interista ma trovo questo resoconto della partita di supercoppa imbarazzante e del tutto pareziale. Obi ad esempio è stat il migliore in campo di entrambe le squadre e viene liquidato con una sufficienza, di gattuso che doveva essere esplulso per mancata doppia ammonizione non si fa cenno, di un abate scarsissimo neppure. se questo è n milan pronto per vincere il campionato, credo che andrò a leggere di sport su altri siti

RISPOSTA:

caro Silvano, prendo atto della tua critica, ma mi permetto di puntualizzare un paio di cose. Nel resoconto della partita ho chiaramente parlato di un Abate in non buone condizioni fisiche e messo spesso in difficoltà dai nerazzurri, così come nella cronaca diretta della gara ( http://www.ilsussidiario.net/News/Calcio-e-altri-Sport/2011/8/6/DIRETTA-Milan-Inter-Supercoppa-Italiana-2011-segui-e-commenta-la-partita-live-in-tempo-reale/199313/ ) abbiamo chiaramente ripetuto che il secondo cartellino giallo per Gattuso poteva e doveva starci tutto. Sulla valutazione di Obi non mi pronuncio: la sufficienza è significativa di una prestazione lodevole per impegno e grinta, ma sulla quale grava un calo fisico molto netto sulla distanza. Tutti i giudizi sono opinabili, ma il nostro sforzo è sempre quello - anche in un argomento spinoso come lo sport - di essere il più possibile obiettivi e dare spazio al maggior numero di punti di vista, approfondendoli. Spero che continuerai a leggerci, almeno il tempo sufficiente per valutare l'approfondimento con l'ex-arbitro Luigi Agnolin proprio sulla condizione di gara di Rizzoli che stiamo per pubblicare...