BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

MONDIALI RUGBY/ Australia-Italia (32-6): la cronaca e gli highlights (video)

Nella prima giornata della Pool C dei campionati mondiali di rugby l’Italia perde 32 a 6 contro l’Australia ma, nonostante il parziale forse troppo severo, gli azzurri hanno giocato bene

Foto (Ansa) Foto (Ansa)

Nella prima giornata della Pool C dei campionati mondiali di rugby l’Italia perde 32 a 6 contro l’Australia ma, nonostante il parziale forse troppo severo, gli azzurri hanno giocato bene, almeno per i primi quaranta minuti. Dopo trenta minuti, al North Harbour di Auckland, l’Australia va sopra di sei punti grazie ai calci di punizione siglati da Quade Cooper, ma nel finale della prima frazione è l’Italia a farsi avanti e a rendersi pericolosa in attacco. E i gialloverdi, costretti a commettere più falli, regala due piazzati che Mirco Bergamasco non fallisce, portando le squadre sul sei pari. Le squadre tornano in campo dopo l’intervallo e già si comincia a respirare una nuova aria. Dopo appena nove minuti l’Australia conquista una touche italiana, la nostra difesa fa di tutto per arginare l’attacco dei Wallabies ma il pilone destro Alexander porta la propria squadra sull’11-6. L’Italia perde la concentrazione, e l’Australia non perdona: al quarto d’ora va in meta Ashley Cooper e pochi minuti dopo anche O’Connor. La partita è ormai già archiviata, ma i gialloverdi sono implacabili e realizzano un’altra meta con l’ala Ioane. Finisce 32 a 6, ma Nick Mallett si dice comunque soddisfatto: “Sono ovviamente molto contento della prestazione della squadra nel primo tempo. Abbiamo messo gli australiani sotto pressione, difeso bene attorno alle ruck ed efficacemente al largo. A metà gara in spogliatoio eravamo molto soddisfatti, purtroppo nel primo quarto del secondo tempo abbiamo commesso qualche errore ma credo sia anche giusto dare merito ai nostri avversari: difendere contro di loro è sempre molto difficile, quando prendono il vantaggio in attacco fermarli è veramente molto complicato”. Anche capitan Parisse è convinto che “nel primo tempo abbiamo rispettato al 100% il piano di gioco. Nel secondo tempo abbiamo fatto qualche errore in più ma sono felice della performance della squadra. Dopo la partita di agosto contro la Scozia abbiamo preso appieno coscienza del piano di gioco che ci viene proposto dallo staff. Nel finale dopo le loro mete abbiamo avuto un pò di voglia di strafare per ridurre il passivo e abbiamo fatto qualche altro errore ma credo che possiamo prendere molto di positivo dalla partita di oggi”.