BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

CALCIO/ Policano: ecco cosa penso di Torino, Napoli e Udinese (esclusiva)

Il grande ex di Napoli e Torino - e attuale osservatore dell'Udinese - ROBERTO POLICANO è intervenuto in esclusiva a ilsussidiario.net per parlare di queste realtà calcistiche.

Marek Hamsik (foto Ansa) Marek Hamsik (foto Ansa)

Un grande ex del mondo del calcio, Roberto Policano, è intervenuto in esclusiva a IlSussidiario.net per parlare delle realtà sportive che meglio conosce e che tuttora frequenta. L'oro di Napoli, l'Udinese dei miracoli e il Torino di mister Ventura, finalmente pronto per il definitivo salto di qualità e di categoria: una chiacchierata a 360° su alcune delle più belle realtà del mondo del calcio, viste attraverso l'occhio esperto di chi i campi di calcio li ha calcati per anni e che ha militato in club del calibro di Genoa, Roma, Torino e Napoli, in una carriera che ha attraversato quasi vent'anni di storia.

Policano, cosa pensa di questo Napoli?

Ha iniziato veramente nel migliore dei modi. Penso che i partenopei abbiano tutte le possibilità per arrivare fino in fondo e, perchè no, anche di vincere lo scudetto.

Merito dei nuovi acquisti?

Sicuramente l’inserimento di giocatori come Dzemaili e Inler a centrocampo - e il possibile utilizzo di Britos (per ora infortunato) in difesa - ha prodotto effetti positivi sul rendimento di tutta la squadra.

Non vede il rischio che tutto questo entusiasmo possa trasformarsi in pressione sulla squadra?

No. A differenza di Roma dove la pressione è veramente tanta, l’entusiasmo che c’è a Napoli può essere un aiuto. Il perchè è semplice: a Napoli il calcio qui non viene vissuto come un “dramma” ma in un modo soft, con interesse e calore ma senza mai esagerare nei toni.

Il Napoli è dipendente dal trio Hamsik-Cavani-Lavezzi?

Non credo proprio: sostituti come Mascara, Santana, Pandev e Lucarelli sono all'altezza della situazione e saranno in grado di sostituire al meglio i “tre tenori” quando ce ne sarà bisogno.

Un giudizio su Mazzarri?

Un grande carisma e una personalità straordinaria, capace di dare quel qualcosa in più per raggiungere qualsiasi traguardo.

Il fatto di giocare la Champions potrebbe creare qualche problema?