BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

CHAMPIONS LEAGUE/ Risultati e classifica girone G (Apoel,Zenit,Porto,Shakhtar)

Ecco risultati e classifica del gruppo G della Uefa Champions League dopo il primo turno di gare. Vittorie di Porto e Apoel, in un girone in cui nulla è scontato.

Hulk (foto Ansa) Hulk (foto Ansa)

Il girone G della Uefa Champions League regala la prima sorpresa dell'edizione 2011/2012 della competizione europea. La notizia inattesa arriva da Nicosia, dove l'Apoel - squadra di casa - batte inaspettatamente lo Zenit San Pietroburgo per due reti a una, grazie alle segnature di Manduca ed Ailton nella ripresa. Una brutta botta per la squadra di Luciano Spalletti, sconfitta molto più nettamente di quanto dica il passivo minimo. La gara è stata contraddistinta da ritmi bassissimi, che non hanno certo facilitato il compito alla squadra russa, sempre incapace di forzare i tempi del match. Eppure lo Zenit era riuscito anche a passare in vantaggio al diciottesimo della ripresa grazie alla marcatura di Zyrianov, ma paradossalmente il gol ha segnato la definitiva uscita di scena della squadra russa, sparita sotto i colpi martellanti della riscossa dell'Apoel. La gara termina così due a uno in favore della squadra che ha meritato sicuramente di più la vittoria e condanna lo Zenit ad una riflessione attenta, dato che questa sconfitta arriva subito dopo quella rimediata in campionato (4-2). Nell'altra gara del girone il Porto di Pereira e lo Shakhtar di Mircea Lucescu danno vita ad una sfida davvero spettacolare, che conferma quanto di buono fatto vedere da queste due squadre nel corso degli ultimi anni, in patria e in Europa. La squadra ospite era passata inaspettatamente in vantaggio al dodicesimo della prima frazione, grazie alla bravura di Luiz Adriano, abile a trovare la via della rete approfittando di una distrazione della difesa dei lusitani. La riscossa del Porto non si faceva attendere e ci pensava Hulk - con una punizione di terrificante potenza alla mezz'ora del primo tempo - a riportare il risultato in parità. La rimonta dei padroni di casa trovava il suo compimento al minuto sei della ripresa, quando Kleber trovava il gol del definitivo due a uno che regalavano tre punti pesantissimi - anche in concomitanza della sconfitta dello Zenit di San Pietroburgo - al Porto, già lanciatissimo verso la qualificazione al turno successivo.