BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

DIRETTA/ Reggina-Pescara (Serie B): segui e commenta la partita live in temporeale

Reggina-Pescara si preannuncia come una delle gare più interessanti in cartello in questa quinta giornata di Serie B: sono le squadre più 'pericolose' della cadetteria

Zdenek ZemanZdenek Zeman

Reggina-Pescara si preannuncia come una delle gare più interessanti in cartello in questa quinta giornata di Serie B. La Reggina, a quota sette punti in classifica, è alla ricerca di una vittoria per imprimere una accelerazione a un campionato iniziato bene ma complicatosi nel secondo e terzo turno prima della vittoria della scorsa settimana. Il Pescara di Zeman cerca il bottino pieno per assaporare le vetta che potrebbe ottenere in solitaria, ragionevolmente almeno fino al big match di lunedì sera. Non sarà facile, anche se il pareggio in Reggina-Pescara secondo gli scommettitori è soltanto poco più probabile della vittoria esterna, giudicata comunque difficile. Il segno X sarebbe il secondo per la Reggina e il primo in campionato per il Pescara, che in ogni caso avrebbe buone speranze di rimanere ben ancorato alle zone di testa con un risultato utile.
Reggina-Pescara, dati alla mano, mette di fronte due tra le formazioni più pericolose del campionato. La Reggina ha un attacco che funziona a corrente alternata, ma se la partita è quella giusta (e l'atmosfera del Granillo contribuirà a renderla tale) potrebbe davvero riservare gol a grappoli. Discorso simile per il Pescara, che è in assoluto la squadra dall'attacco più prolifico e costante (ha sempre fatto almeno due gol dall'inizio del campionato) pur tuttavia essendo meno disattenta in difesa di quello che la fama di Zdenek Zeman potrebbe far sospettare. Il problema fino ad ora è stata la condizione fisica: con la squadra troppo lunga si concede anche agli avversari, ma con l'andar del tempo tutto si risolve.La Reggina si prepara ad accogliere il Pescara senza alcuno squalificato. Per mister Breda qualche dubbio di formazione c'è ma solo per quanto riguarda l'assetto tattico. Contro il Pescara l'allenatore della Reggina potrebbe cercare di appesantire il reparto offensivo con l'inserimento di Ceravolo al posto di Campagnacci, anche se la grande vena da rifinitore che Campagnacci sta dimostrando in questo avvio di campionato potrebbe tornare utile se Bonazzoli fosse ispirato. Insomma un bel dilemma tra dinamismo e concretezza là davanti per il mister. In difesa pare risolto a favore di Adejo il ballottaggio per una maglia da titolare. La probabile formazione della Reggina quindi è questa: Kovacsik tra i pali, Adejo, Emerson e Marino in difesa, D'Alessandro, De Rose, Castiglia e Rizzato a centrocampo con Missiroli trequartista e Campagnacci e Bonazzoli (che pare comunque confermato) in avanti.
Il Pescara di Zeman si prepara ad espugnare il Granillo pur privo di un paio di pedine importanti. La rosa ampia a disposizione del tecnico boemo permetterà di limitare i danni e trovare soluzioni interessanti, ma certo dover rinunciare a Soddimo e Capuano non è una bella notizia. Fortunatamente non ci sono squalificati ad aggravare ulteriormente il bilancio degli assenti. Il Pescara quindi si prepara a schierarsi con il consueto 4-3-3 con Anania tra i pali, Zanon, Brosco, Romagnoli e Bocchetti in difesa, Cascione Verratti e Konè a centrocampo e il tridente formato da Immobile, Insigne e Sansovini. Intanto Zeman incassa i complimenti pregara niente meno che dal mister della Reggina, Roberto Breda: "il Pescara è forte sotprattutto quando riparte - ha detto - però può anche concedere spazi importanti. Zeman si porta dietro idee precise, io lo ammiro. La sua squadra non è offensiva solo per il tridente, ma perchè ha una idea di gioco pericolosa in sè. Ma la Reggina ha grandissime potenzialità". Che vinca il migliore dunque, Reggina-Pescara sta per cominciare…