BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SERIE A/ Le pagelle degli arbitri: Napoli-Milan, male Tagliavento, in Siena-Juventus bene Valeri. La moviola di Pistocchi - 3° giornata (esclusiva)

Pubblicazione:lunedì 19 settembre 2011

arbitro (foto Ansa) arbitro (foto Ansa)

SERIE A: LE PAGELLE DEGLI ARBITRI- La terza giornata del campionato di serie A è andata in archivio ieri sera, con la netta affermazione del Napoli - sul Milan - nel posticipo dello stadio San Paolo. Oltre ai giocatori sono stati protagonisti anche gli arbitri che, con le loro decisioni, hanno sicuramente contribuito - nel bene e del male - ai risultati finali dei match. Per fare il punto sull'operato delle giacchette nere nella giornata di ieri e per stilare un "pagellone" sui direttori di gara è intervenuto - in esclusiva a IlSussidiario.net - Maurizio Pistocchi, giornalista Mediaset e noto moviolista. "Ci sono state buone prove alternate ad altre davvero insufficienti" - esordisce Pistocchi - "ma globalmente è stata una giornata positiva" è il pensiero del famoso moviolista, che inizia a stilare la propria pagella sottolineando "la buona prova di Giannoccaro in Cagliari-Novara e l'ottima prestazione di Valeri in Siena-Juventus". Pistocchi elogia anche l'operato di De Marco a Bergamo (Atalanta-Palermo), nonostante abbia gestito un episodio in maniera davvero curiosa: "De Marco è stato bravo e la valutazione è positiva, pur con l'incomprensibile comportamento in occasione della ripresa del gioco dopo la sospensione, quando non è uscito di persona a controllare le condizioni del campo, mandando il quarto uomo. Un comportamento assurdo, che i designatori dovranno spiegare". Dopo gli "applausi a Doveri, per la direzione di Parma-Chievo Verona", Pistocchi passa alle note negative della giornata. "Non è stata buona la direzione di Romeo in Udinese-Fiorentina" - esordisce il giornalista - "perché il rigore concesso all'Udinese è perlomeno dubbio e manca un cartellino rosso a Montolivo per un fallaccio da dietro. E, se vogliamo dirla tutta, ci poteva stare anche un rosso diretto per Pasqual per una manata a Basta". Insomma, una prova insufficiente di Romeo, che fa il pari con quella di Russo in Bologna-Lecce: "una prestazione pessima. C'era rigore ed espulsione (pro Bologna) per un pugno rifilato da Giacomazzi a Casarini in area di rigore, senza contare un fallaccio - da rosso diretto - di Diamanti su Caudrado. E l'arbitro non ha visto nulla..."


  PAG. SUCC. >