BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

EURO 2012/ Italia: Prandelli, Cassano e un Europeo che possiamo vincere. Parla Sandro Mazzola (esclusiva)

Pubblicazione:

Sandro Mazzola (foto Ansa)  Sandro Mazzola (foto Ansa)

Innanzitutto voglio sottolineare che Balotelli ha delle doti tecniche straordinarie. Sul fatto poi che Prandelli l’abbia convocato - nonostante non giochi nel Manchester City - dico che il tutto si risolverà in maniera semplicissima: Prandelli non lo metterà in campo.

 

Cosa pensa di quei giocatori - Balotelli, Criscito, Sirigu e Giueseppe Rossi - che giocano nei campionati stranieri?

Semplicemente che la loro esperienza in questi tornei può risultare molto utile alla causa azzurra.

 

Il dopo Bufon la spaventa?

Direi di no. Seguo con interesse Viviano (non convocato anche perché è infortunato), un giovane molto valido. In Italia abbiamo tanti ottimi portieri in grado di prendere l’eredità di Buffon. 

 

E sugli oriundi qual è il suo parere? La convocazione di Thiago Motta è giusta?

Perché no, se non hanno giocato nelle loro nazionali, non c’è niente di male. A miei tempi c’era Sormani, che viveva la stessa condizione.

 

Il calcio italiano oggi manca di grandi personaggi al di fuori del rettangolo di gioco. Ai vostri tempi, c’erano lei, Rivera, Riva…

Sono cambiate le cose. Forse adesso la personalità dei giocatori viene meno fuori. E’ cambiata l’epoca in cui viviamo...

 

Tornando all’Italia: siamo al livello della Spagna?

No, siamo ancora inferiori alla Spagna. Direi che però siamo superiori a Francia e Inghilterra...

 

Ci attende un Europeo da protagonisti?

Possiamo anche cogliere un grande risultato: vincerli non è certo impossibile.

 

Parliamo anche del suo cuore nerazzurro: come vede l’Inter senza Eto’o?


< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >