BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SERIE A/ Quarta giornata, Juventus: hai un nuovo Capello; Napoli: divertiti. E su Inter e Milan... Il punto di Filippo Corsini (esclusiva)

Pubblicazione:

Antonio Conte (Foto: Ansa)  Antonio Conte (Foto: Ansa)

Secondo me sì. Quella con il Bologna sembrerebbe effettivamente una partita senza storia, poi, ripeto, i turni infrasettimanali riservano sempre sorprese. La Juve è comunque partita benissimo ed ha il tecnico giusto, quello che ci voleva; uno juventino di ferro, grintoso, direi quasi un Fabio Capello in erba con tutte le differenze tattiche che comunque esistono tra i due. È un allenatore che riesce a chiedere tutto ai suoi uomini. Il calendario sta effettivamente aiutando i bianconeri che sulle ali dell'entusiasmo potrebbero mettere insieme una serie di risultati positivi.

Il Napoli va al Bentegodi e fa visita al Chievo, l'anno scorso bestia nera dei partenopei, ci crede nel Napoli come pretendente allo scudetto?

L'unico problema del Napoli può essere la troppa euforia; la mancanza di abitudine a vincere. Mazzarri dovrà fare il pompiere per mantenere bassa l'euforia come ha già fatto dopo il match con il Milan; certo che se gli azzurri non perdono la testa e non scoppiano intorno a Febbraio, inizio Marzo possono lottare punto su punto con le altre concorrenti. Sarà però anche da valutare il destino degli azzurri in Champions.

Cesena - Lazio è invece la sfida tra due tra le maggiori protagoniste dell'ultima campagna di rafforzamento, nonostante ciò le due squadre stanno deludendo. Bisogna rivalutare le loro mosse sul calciomercato?

Non vedo il Cesena sulla stessa lunghezza d'onda, della scorsa stagione. Per quanto riguarda la Lazio, invece, le dichiarazioni di Reja sull'ambiente credo abbiano segnato il futuro del tecnico. Sarà molto difficile per il goriziano raddrizzare la situazione.

Quanto potrebbe pesare la polemica tra Reja e i supporters biancocelesti? Non trova eccessive le critiche nei confronti del goriziano?

Qualche sua scelta non lo ha sicuramente aiutato. Cissé non sta giocando in una posizione consona ed il feeling con la piazza non è mai sbocciato anche, e soprattutto, per la questione Zarate. Il goriziano può comunque raddrizzare la squadra e i biancocelesti, secondo me, potrebbero fare anche risultato. Il vero banco di prova sarà la successiva gara casalinga, lì bisognerà capire se la tifoseria deciderà di perdonare o meno il tecnico.

Reja può davvero andarsene dopo questa partita? Donadoni, Delneri e Casiraghi sono i nomi che si fanno per la successione? Sono credibili?


< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >