BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

PAGELLE/ Palermo-Cagliari (3-2): i voti, la cronaca, il tabellino (quarta giornata)

Nuova vittoria per Mangia dopo lo stop di domenica scorsa contro l’Atalanta. I rosanero superano con il risultato di 3 a 2 i rivali rossoblu del Cagliari, una gara davvero spettacolare.

Fabrizio Miccoli, attaccante Palermo (Foto Ansa) Fabrizio Miccoli, attaccante Palermo (Foto Ansa)

Il Palermo supera il Cagliari con i risultato di 3 a 2 e si rifà dopo la sconfitta dello scorso weekend contro i nerazzurri dell’Atalanta. I rosaneri si godono i primi gol di Zahavi e Bertolo entrambi sbarcati in Sicilia durante il calciomercato estivo. Da sottolineare anche l’ennesimo capolavoro di capitan Miccoli, uno che ha abituato le platee a numeri d’alta scuola. Il Cagliari non riesce a mordere nonostante arrivi al Barbera dopo aver totalizzato il massimo bottino. Va sotto di tre gol e poi cerca di rialzarsi nel finale, confusionario, grazie alle reti di Conti e Nainggolan, che però non bastano ad agguantare il pareggio.

– Il Palermo scende in campo con un centrocampo rivoluzionario, soprattutto rispetto alla scorsa stagione, con Ilicic in panchina, Bertolo e Zahavi esterni, Barreto e Dalla Rocca schierati nella posizione di interno. In attacco Pinilla sostituisce Hernandez al fianco di Miccoli. Nessun cambio invece in casa Cagliari dopo le due vittorie nelle prime due uscite stagionali. La gara si fa subito in discesa per i rosanero che trovano la rete dopo soli 18 secondi grazie ad una rete super di Zahavi che partendo dalla sinistra, si accentra, e fa partire un siluro su cui Agazzi non può nulla. Il Palermo occupa bene gli spazi e non si adagia nonostante la rete siglata. Al 15esimo arriva il raddoppio siglato da Bertolo dopo il 2-0 sfiorato da Pinilla. Al 19esimo altra occasione sfiorata con Zahavi non capace di sfruttare una buona occasione creata da Miccoli. Si ripete la storia al 21esimo con tiro inguardabile di Bertolo a tu per tu con Agazzi mentre al 32esimo spreca anche Miccoli dopo pasticcio Pisano-Canini. Il Cagliari cerca di riorganizzarsi chiudendo in maniera dignitosa il primo tempo: al 43esimo tiro da fuori di Nainggolan che però non impensierisce più di tanto il Palermo.

– Nel secondo tempo rossoblu rinvigoriti e grande prova di Tzorvas che chiude la porta prima a Nenè, al sesto, e poi a Thigo Ribeiro, grande occasione al 15esimo di poco sopra la traversa. Ma nel momento migliore dei sardi arriva la rete del tre a zero “spacca gambe”: tiro impossibile di Miccoli che batte Agazzi direttamente su punizione. Un finale nervosissimo permette ad un Cagliari rivitalizzato di accorciare le distanze e di mettere paura agli avversari prima con Conti e poi con Nainggolan. Ma non c’è più tempo e i padroni di casa si assicurano i tre punti più che meritati.