BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

CATANIA-JUVENTUS/ Primo posto salvo: qualche appunto a Conte aspettando il Milan

? CATANIA-JUVENTUS 1-1. Il primo posto – per quel che può contare dopo quattro gare – è salvo. Per il resto la Juventus è rimandata alla sfida contro il Milan. Il punto di Luciano Zanardini.

Antonio Conte (Foto: ANSA) Antonio Conte (Foto: ANSA)

CATANIA-JUVENTUS 1-1, BIANCONERI IN VETTA ALLA CLASSIFICA (QUINTA GIORNATA SERIE A). Il primo posto – per quel che può contare dopo quattro gare – è salvo. Per il resto la Juventus è rimandata alla sfida contro il Milan per capire se i due pareggi consecutivi (Bologna e Catania) sono fisiologici o se, forse, l’impianto bianconero incomincia a scricchiolare. E’ presto per dirlo, ma si ha comunque l’impressione che questa squadra possa dare delle soddisfazioni ai suoi tifosi. Il carattere (quello che fa recuperare lo svantaggio) c’è, il gioco arriverà. Certo bisogna migliorare molto nella fase difensiva dove le troppe amnesie (Giorgio Chiellini ne ha avute diverse) possono costare molto care contro compagini più quotate. Dietro è stato utilizzato ancora Grosso (che risponde sempre presente), sbugiardando (per l’ennesima volta) la campagna acquisti: sono anni che la Juventus cerca (e non trova) un terzino sinistro (Paolo De Ceglie non convince del tutto). A gennaio si tornerà sul mercato per un centrale con lo spostamento definitivo a sinistra di Chiellini. Nella fase offensiva ha sorpreso (e non poco) la scelta di Antonio Conte di non affiancare una punta di ruolo ad Alessandro Matri con il risultato che la Juventus è parsa un po’ sterile. A questo si aggiungono anche la giornata opaca di Andrea Pirlo e la prova deludente (per la prima è scusato) dell’olandese Elia. Fra le note positive, il ritorno al gol (grazie ad Andujar) e l’attivismo di Milos Krasic: la speranza è quella che possa ritornare sui suoi livelli.  Questa Juventus ha margini di miglioramento e un grande potenziale, ma fino a quando il gioco di Conte non troverà il suo naturale sbocco sulle fasce, sarà difficile vedere dei grandi passi in avanti. Contro gli etnei la Juvetus ha l’alibi della pioggia su un terreno pesante. Un appunto a Conte? Il mister avrebbe potuto favorire, visto il turno infrasettimanale nelle gambe, un maggiore turnover, magari inserendo Pazienza (o lo stesso Arturo Vidal ma in posizione centrale e non a ridosso della punta) al posto di uno tra Pirlo e Claudio Marchisio. Per poter vincere il...