BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

PAGELLE/ Atalanta-Novara (2-1): i voti, la cronaca e il tabellino (quinta giornata)

Non solo l’Atalanta ha già annullato i sei punti di penalizzazione dovuti allo scandalo calcio scommesse, ma oggi ha anche raggiunto il traguardo della terza vittoria consecutiva.

Foto (Ansa) Foto (Ansa)

Non solo l’Atalanta ha già annullato i sei punti di penalizzazione dovuti allo scandalo calcio scommesse, ma oggi ha anche raggiunto il traguardo della terza vittoria consecutiva. Padroni di casa quindi inarrestabili, che entrano in campo schierati con un 4-4-2 classico, con Consigli dietro a Capelli e Manfredini, Bonaventura incredibilmente in panchina e Brighi e Cigarini da centrali. Davanti i soliti Padoin e Schelotto come ali offensive e Denis e Gabbiadini da punte. Nel Novara, che cavalca l’onda dell’entusiasmo dopo l’incredibile vittoria contro l’Inter, schiera gli stessi undici che hanno battuto i nerazzurri, sempre con il solito 4-3-1-2 con Ujkani in porta davanti a Lisuzzo, Dellafiore, Paci e Gemiti, con Porcari Radovanovic e Rigoni centrali, e attacco con Mazzarani, Morimoto e Meggiorini.

Inizio di gara abbastanza noioso, con le due squadre che si studiano senza creare particolari situazioni di pericolo. L’unico attivo e determinato sembra essere Schelotto che corre abbondantemente sulla destra ma senza riuscire a impensierire la difesa avversaria. Anzi, è proprio il Novara a rendersi davvero pericolo per primo: Mazzarani parte in quarta, allunga la palla a Meggiorini che prova un tiro a giro da fuori area che si spegne a pochi millimetri dal palo, ma grande spavento per l’Atalanta, che comunque non accusa il colpo e dopo pochi minuti va in gol con Schelotto che incorna un cross pennellato del capitano bergamasco. Il primo tempo finisce sull’uno a zero per l’Atalanta.

Nella ripresa di gioco il Novara sembra aver riacquistato un po’ di coraggio ma non riesce comunque a superare in modo veramente offensivo la trequarti avversaria. Come se non bastasse, ecco la doccia gelata firmata Cigarini, che lascia partire un destro velenoso che fulmina Ujkani nell’angolino basso. Il Novara adesso accusa il colpo ma riesce ad andare comunque in gol al minuto 89 con un tiro da parte di Porcari che, pur non essendo un granché, non viene visto dal portiere dell’Atalanta Consigli. La speranza allora comincia ad accendersi e il Novara combatte durante gli ultimi minuti della partita all ricerca di un pareggio quasi impossibile. Dopo un’azione conclusa con un tocco di Granoche al minuto 90, i tifosi ospiti vedono il pallone finire in rete ed esplodono di gioia, ma l’assistente dell’arbitro alza la bandierina e segnala la posizione di fuorigioco del giocatore. La partita finisce così, e l’Atalanta può festeggiare i 9 punti nelle ultime tre partite.