BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

MONDIALI CICLISMO/ Bronzini, campionessa del mondo a ritmo di musica (esclusiva)

In esclusiva a IlSussidiario.net è intervenuta la fresca vincitrice del Mondiale 2011 di ciclismo (a Copenaghen) Giorgia Bronzini. Ecco il racconto di una ragazza che sogna le Olimpiadi.

Giorgia Bronzini (foto Ansa)Giorgia Bronzini (foto Ansa)

Giorgia Bronzini è entrata a tutti gli effetti nel gotha del ciclismo mondiale e nella storia dello sport italiano. La ventottenne piacentina ha infatti conquistato a Copenaghen il suo secondo Mondiale consecutivo, dopo quello vinto a Melbourne nel 2010. Dopo l'entusiamante racconto del capitano della squadra azzurra (Noemi Cantele), ecco - in esclusiva a ilsussidiario.net – proprio Giorgia Bronzini, che ha parlato con noi di questa sua fantastica impresa, che ne rilancia alla grande le ambizioni in vista delle Olimpiadi di Londra 2012. Giorgia, complimenti per la vittoria.

Qual è stato il segreto di questo trionfo?

Non ho sentito molto la pressione della gara. Ho ragionato e costruito mentalmente questo successo: ero concentrata e carica al punto giusto

La tua volata è stata strepitosa…

Ho saputo sfruttare tutta la mia velocità e le mie caratteristiche da sprinter. Devo però ringraziare Monia Baccaille, che mi ha aiutato a fare questa volata imperiosa

Anche la squadra italiana ha fatto un ottimo lavoro

Direi stupendo. Le mie compagne di squadra sono state fantastiche. Mi hanno aiutato tantissimo, portandomi a giocare le mie carte al momento giusto della corsa

E Salvoldi, il vostro tecnico?

Lui riesce sempre a tirare fuori dal cilindro le invenzioni tattiche per farci vincere la corsa. Ha fatto vincere alla squadra italiana quattro mondiali in cinque anni

Invece Marianne Vos è arrivata seconda per la quinta volta consecutiva. Forse le farebbe bene un viaggio a Lourdes…

(Ride) No, penso che la Vos sia una grande atleta. La rispetto profondamente. E poi se va a Lourdes magari noi italiane non vinciamo più...

Intanto ti sei posta allo stesso livello di Gianni Bugno e Paolo Bettini, due grandissimi del ciclismo azzurro. Bugno ha detto che sei veramente un’atleta eccezionale...

Lo ringrazio di cuore per questo complimento. In realtà conosco di più Paolo Bettini, a cui in parte penso di ispirarmi

Quali sono i prossimi obiettivi?

Sogno le Olimpiadi di Londra: vincere lì sarebbe mettere un sigillo a tutta una carriera