BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

CHAMPIONS LEAGUE/ Un, due, tre: il tricolore torna di moda in Europa

Tre su tre: anche il Milan si accoda a Inter e Napoli, cogliendo il successo in Champions League. L'ein-plein delle italiane in Europa è un bel segnale. Il punto di Sandro Bocchio

Champions League Champions League

CHAMPIONS LEAGUE: IL PUNTO DI SANDRO BOCCHIO - Tre su tre: anche il Milan si accoda a Inter e Napoli, cogliendo il successo in Champions League. Un bel cambiamento, rispetto al primo turno in cui arrivarono due pareggi e una sconfitta. Un'iniezione di fiducia per il futuro, visto il nostro lento scivolare nel ranking Uefa fino a perdere dalla prossima stagione il diritto ad avere quattro rappresentanti nella manifestazione europea più prestigiosa. Attenzione: rimane la consapevolezza di un movimento nazionale che non sta benissimo e di singole squadre che vivono sempre sul filo del rasoio (e l'Inter ne è l'esempio più clamoroso). Però la personalità con cui si è mosso il terzetto tricolore nel secondo turno di coppa induce a nutrire qualche speranza in più.
Il Milan aveva a che fare con un avversario non di prima fascia, per tradizione e risultati. Ha però adempiuto a quanto era lecito aspettarsi. Partita tenuta (quasi) sempre in mano, con qualche distrazione ben emendata da Abbiati, e Viktoria colpito al momento giusto, sia pure con qualche errore di troppo. Era una serata attesa soprattutto per il ritorno di Ibrahimovic, e l'attesa non è andata delusa. Con lo svedese in campo i rossoneri hanno avuto una continuità offensiva mancata in campionato anche contro il non irresistibile Cesena. Lui e Cassano si sono esaltati in prima fila, a dimostrazione di come il barese tragga beneficio dalla presenza del compagno e come Ibra sia sempre funzionale (quando c'è con il fisico e con la testa) alle trame di Allegri. Soprattutto in un periodo in cui Pato vive il solito infortunio e in cui manca la variabile impazzita che sa essere Boateng anche in prima fila.