BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

CLASSIFICA SERIE A/ I risultati di tutte le partite della diciottesima giornata di serie A aspettando il derby...

La Juve frena con il Cagliari, l'Udinese cade a Genova, affonda la Fiorentina in casa. Il Cesena vince la sfida salvezza con il Novara. Mancano all'appello 25 minuti di Catania-Roma. 

Adrian Mutu: gol n° 100 e 101 in serie A (foto Infophoto) Adrian Mutu: gol n° 100 e 101 in serie A (foto Infophoto)

In attesa di scoprire l'esito del derby della Madonnina (questa sera alle 20:45) e dell'ultimo posticipo Napoli-Bologna di lunedì, la diciottesima giornata di serie A ha registrato 21 gol. Mancano ancora i 25 minuti finali di Catania-Roma, sospesa ieri sera per impraticabilità del campo sul risultato di 1-1 (gol di Legrottaglie e De Rossi), ma intanto i risultati a sorpresa non scarseggiano. Innanzitutto la Juve: non subiva gol in casa dal 25 ottobre (Jovetic), oggi pomeriggio il bolide di Cossu è servito al Cagliari per fermare i bianconeri. Per la Juve gol di Vucinic, terzo in campionato, e un punto che per ora la tiene davanti a tutti. Il Cagliari guadagna un buon punto che lo tiene lontano dalla zona calda. Cade anche l'Udinese, 3-2 a Genova. Partita bellissima a Marassi dove i friulani passano in vantaggio con Ferronetti. Nella ripresa si scatenano i padroni di casa: prima Granqvist approfitta di una corta respinta di Handanovic, poi Jankovic con un gran tiro al volo su cross di Constant batte il portiere sloveno, poi è il turno di Palacio; sembra fatta per Marino, ma l'arbitro si inventa un rigore quando Rossi (espulso) interviene nettamente sul pallone portato avanti da Di Natale: Totò segna dal dischetto e riapre la partita, ma non basta. Così l'Udinese vede avvicinarsi pericolosamente la Lazio, che nell'anticipo delle 12:30 batte 2-0 l'Atalanta. Rigore di Hernanes per fallo di Masiello su Radu e piatto di Klose – al nono gol in campionato – per i biancocelesti che salgano a 33 punti. Si risolleva il Parma che, con la prima di Donadoni in panchina, affonda il Siena in una partita apertasi nel finale in seguito alla rete messa a segna da Grossi, prima che Giovinco (per lui ottava rete) mettesse il punto esclamativo sulla vittoria dei ducali. Il Parma si era portato in vantaggio con Biabiany, bravo a sfruttare una respinta di Pegolo, e aveva raddoppiato nel secondo tempo con un colpo di testa di Valiani su cross dalla sinistra della Formica Atomica. Continua il mal di trasferta del Palermo, che esce senza punti anche dal Bentegodi: al Chievo basta un gol di Sammarco che si ripete (anche nella tipologia di segnatura) dopo la gara di Coppa Italia di mercoledi sera. Con questa vittoria i gialloblu sorpassano proprio il Palermo in classifica; i rosanero sono in crisi di risultati, il cambio di allenatore per ora non ha portato i frutti sperati. Sorpresa a Firenze: il Lecce aggancia il Novara a 12 punti grazie alla fondamentale vittoria al Franchi. Decide un calcio di rigore concesso per fallo di Natali su Muriel: Di Michele non sbaglia dal dischetto e la Fiorentina, che sembrava fuori dalla fanghiglia della retrocessione, ci rientra di prepotenza. Chiudiamo con lo spareggio-salvezza: la spunta nettamente il Cesena, che passa 3-1 al Manuzzi e lascia il Novara all'ultimo posto in classifica, in coabitazione con i salentini. Mutu trova il centesimo gol in serie A, poi fa 101 con un rigore (fallo su Candreva); già nel primo tempo l'autogol di Rianudo chiude la partita. I bianconeri si prendono anche il lusso di sbagliare un rigore con Candreva. A nulla serve il flipper nell'area bianconera che porta al gol di Morimoto: il Novara affonda sempre di più, il Cesena resta terzultimo ma guarda al girone di ritorno con tutt'altra prospettiva.