BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CALCIOSCOMMESSE/ Abete: non so a cosa si riferisca Manganelli, ma ci sono già due filoni aperti

Pubblicazione:mercoledì 10 ottobre 2012

Il capo della Polizia Antonio Manganelli (Infophoto) Il capo della Polizia Antonio Manganelli (Infophoto)

CALCIOSCOMMESSE: LA REAZIONE DEL PRESIDENTE FIGC GIANCARLO ABETE ALLE PAROLE DI MANGANELLI – Le parole di ieri del capo della Polizia, Antonio Manganelli, che ha annunciato a breve possibili nuovi scandali legati al calcioscommesse (clicca qui per leggere la notizia), non potevano non suscitare reazioni nel mondo del calcio, a partire dai massimi vertici delle istituzioni calcistiche italiane. Ecco dunque come ha commentato il presidente della Federcalcio Giancarlo Abete: “Non so nel dettaglio a cosa si riferisca Manganelli, ma è noto che ci sono filoni sul calcioscommesse ancora aperti alle Procure di Bari e Cremona. Aspettiamo gli atti”. Di certo le dichiarazioni del capo della Polizia, che ieri aveva annunciato 'novità clamorose' sugli scandali del calcio, possono tratteggiare un quadro davvero inquietante, visto che si parla addirittura di scommesse su aspetti minimi come la squadra che batte il primo calcio d'angolo o il primo giocatore a toccare il pallone di testa, che starebbero ad indicare un calcio 'taroccato' fin nei più piccoli dettagli. Abete non ha voluto sbilanciarsi, e mantiene la massima cautela: “Noi invitiamo tutti alla prudenza, è presto per dare giudizi. Per quanto ne sappiamo, invece, Napoli ha chiuso la sua inchiesta”. Resta però evidente che un alto funzionario come Manganelli non si sbilanci senza avere elementi importanti a sua disposizione, per cui il timore che per il calcio italiano possano avvicinarsi altri giorni difficili è decisamente alto. Il presidente della Figc ha voluto anche precisare la propria posizione in merito alla conferma del Procuratore federale Palazzi per i prossimi quattro anni, che da alcuni era stata criticata, manifestando dubbi sulla imparzialità del magistrato. La replica di Abete è laconica ma chiarissima: “È stata votata all'unanimità in consiglio federale, la critica è legittima, ma a me basta la garanzia di competenza, imparzialità e correttezza di Palazzi”.  Giancarlo Abete ha poi voluto parlare della stretta attualità agonistica, e quindi della Nazionale. Anche qui, purtroppo, più che delle partite contro Armenia e Danimarca, ci sono da affrontare polemiche – nello specifico, quelle sugli allenamenti differenziati per i giocatori della Juventus: “Cesare Prandelli ci mette la faccia, e siamo alla vigilia di due gare importantissime per la qualificazione ai mondiali del Brasile: è ridicolo pensare che risparmi gli juventini convocati in azzurro”.


  PAG. SUCC. >