BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

SERIE A/ Atalanta-Genoa (0-1): sintesi, gol e video highlights (14esima giornata)

Successo davvero prezioso per il Genoa a Bergamo: Atalanta-Genoa finisce 0-1, ecco la sintesi e il video con il gol e gli highlights della partita valida per la 14esima giornata di serie A

Gigi Delneri può tirare un sospiro di sollievo (Infophoto)Gigi Delneri può tirare un sospiro di sollievo (Infophoto)

Risultato probabilmente inatteso a Bergamo: l’Atalanta cede davanti al pubblico amico per 1-0 contro un Genoa che era da lungo tempo in crisi e per il quale i tre punti conquistati oggi sono una vera e propria benedizione (e lo sono anche per la panchina di Gigi Delneri, ex di turno). A decidere la partita dello Stadio Atleti Azzurri d’Italia è stato il gol messo a segno da Bertolacci negli ultimi minuti della prima frazione di gioco. L’Atalanta resta comunque in una posizione di classifica tutto sommato tranquilla, mentre per il Genoa si tratta di ossigeno puro, oltre che di una grande iniezione di fiducia. Le statistiche però ci raccontano una partita che è stata per gran parte dominata dall’Atalanta: il possesso palla è stato nerazzurro per il 60% della partita, e i padroni di casa hanno anche costruito ben 14 conclusioni totali, delle quali sei nello specchio della porta genoana. Sei è anche il numero dei tiri totali del Genoa, che invece è riuscito ad inquadrare la porta di Consigli per tre volte. Numeri che sottolineano senza ombra di dubbio il predominio quantitativo della squadra di Colantuono, che può anche vantare 636 palloni giocati contro i 407 degli ospiti e nove calci d’angolo contro due. Numeri che sembrerebbero inequivocabili: ma il bello (o il brutto) del calcio sta proprio nel fatto che è lo sport in cui non basta dominare le statistiche per vincere… Bergamo piange per questo, Genova rossoblu invece ride.

La partita dell’Atleti Azzurri d’Italia fra l’Atalanta e il Genoa si è conclusa con il risultato di 1 a 0 in favore del Grifone. Andiamo ad analizzare insieme il gol nonché le migliori occasioni del match. La prima azione degna di nota del match arriva al nono minuto di gioco ed è a tinte rossoblu. Jankovic trova Bertolacci che dal limite dell’area fa partire un tiro di sinistro davvero insidioso ma la palla finisce a lato della porta di circa un metro: primo squillo dell’attaccante rossoblu. Al 17esimo gli ospiti guidati da Del Neri ci riprovano: Vargas pressa Raimondi che perde palla favorendo l’arrivo di Marco Borriello; il bomber ex Roma entra in area avversaria e serve una splendida palla per Bertolacci che calcia a botta sicura, a pochi metri dalla porta, ma Manfredini è bravissimo a deviare in corner il pallone con Consigli ormai battuto. Al 20esimo Borriello cerca fortune da fuori area: gran tiro dell’attaccante partenopeo dai 25 metri, bloccato in due tempi dal portiere dei bergamaschi. Al 25esimo prima azione pericolosa dei padroni di casa: uno-due perfetto fra Denis e Maxi Moralez con l’ex attaccante del Napoli smarcato splendidamente e a tu per tu con Frey insacca la palla. Il guardalinee, però, sbandiera il fuorigioco annullando il gol. Dubbia decisione visto che Maxi Moralez, giudicato in offside, sembra essere in posizione regolare. Al 30esimo il Tanque ci riprova, questa volta di testa: bel cross dalla sinistra di Peluso su cui ci arriva l’argentino ma la palla finisce sopra la traversa. Al 33esimo di nuovo Atalanta: Schelotto lancia sulla fascia Maxi Moralez che serve un cross al bacio per Denis, sul quale lo stesso argentino ci arriva di testa ma la palla finisce sul fondo. Al 40esimo il gol del Genoa: brutto calcio d’angolo dell’Atalanta che fa partire il contropiede dei rossoblu, con Jankovic che crossa in mezzo per Borriello; la palla viene deviata da Manfredini che però serve involontariamente Bertolacci, bravissimo a ribattere in rete e a trovare il gol del vantaggio. Al 42esimo ci prova Jankovic: gran destro dai 30 metri con palla che finisce a lato di poco. Al 49esimo gran destro al volo di Raimondi dal limite dell’area con capitan Marco Rossi bravo a deviare in angolo. Passa un minuto e Borriello prova il gol in acrobazia: bel cross di Vargas dalla sinistra con l’ex Roma che colpisce in sforbiciata ma la sfera finisce a lato della porta di poco. Il secondo tempo entra nel vivo al 58esimo quando Moralez, servito in area da Bonaventura, si trova a tu per tu con Frey ma il portiere genoano è bravissimo a non farsi scartare, sventando il tentativo avversario. La gara si blocca su ritmi blandi con il Genoa rintanato nella propria area ma di fronte ad un’Atalanta che non riesce a pungere. Succede poco o nulla fino all’80esimo quando Frey compie il miracolo: su calcio d’angolo Denis colpisce benissimo di testa ma il portiere francese, grazie ad una magia, riesce a deviare la palla salvando la porta. Passano 9 minuti e all’89 il portiere francese si ripete: nuovo cross in area per Denis che calcia al volo; la palla viene respinta da Frey ma finisce sui piedi di Raimondi, che calcia a botta sicura ma ancora una volta l’ex portiere della Fiorentina salva tutto. Non succede più nulla e l’arbitro fischia la fine.

Stefano Colantuono non è certo soddisfatto dopo la sconfitta contro il Genoa e usa parole molto chiare per i giocatori della sua Atalanta: “Sono arrabbiato e deluso, abbiamo subito un gol da polli, concedendo un contropiede assolutamente evitabile, partito da un corner a nostro favore. La classifica è ancora buona, ma abbiamo buttato via un'occasione, perché il Genoa ha superato la metà campo un paio di volte, mentre noi abbiamo sprecato molte opportunità, anche per un po' di frenesia che ci ha resi imprecisi. Siamo stati, però, poco concreti negli ultimi metri, e non è la prima volta in questa stagione, ed abbiamo trovato di fronte un portiere in ottima forma, che ha effettuato diverse parate decisive”. Gigi Delneri invece si gode la prima vittoria da quando siede sulla panchina del Genoa, un bel colpaccio in trasferta: “Ultimamente le cose non andavano tanto bene. I tempi erano corti, con 5-6 partite in poco tempo. La squadra oggi ci ha messo il cuore e la voglia, c'è stata anche un po' di fortuna e un grande portiere. A Bergamo hanno trovato difficoltà Inter e Napoli, per fare risultato vuol dire che ci abbiamo messo del nostro: la squadra sta ritrovando il gusto di giocare e di stare insieme, che è la cosa più importante. Ora bisogna continuare su questa strada, sarà un anno di sofferenza ma con questo spirito il Genoa può ritagliarsi un posto importante nel calcio italiano”.