BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PAGELLE/ Fiorentina-Siena (4-1): i voti della partita e il tabellino con marcatori e ammoniti (serie A, 17esima giornata)

Pubblicazione:domenica 16 dicembre 2012

Foto: InfoPhoto Foto: InfoPhoto

PAGELLE FIORENTINA-SIENA (4-1): I VOTI DELLA PARTITA E IL TABELLINO CON MARCATORI E AMMONITI (SERIE A, 17ESIMA GIORNATA) – La diciassettesima giornata di campionato ha visto scendere in campo Fiorentina e Siena nella consueta gara dell’ora di pranzo. Un derby toscano a senso unico, in cui i viola si sono imposti senza troppi problemi siglando quattro reti e confermando lo straordinario periodo che sta attraversando la formazione guidata da Vincenzo Montella. Da sottolineare il ritorno di David Pizarro, grande protagonista della giornata dal punto di vista tecnico che umano, dopo la recente tragica scomparsa della sorella. Diametralmente opposta la situazione del Siena, ancora ferma a undici punti che per il momento significano nuovamente ultima posizione in classifica.

FIORENTINA-SIENA, VOTO PARTITA 7 – Una gara vivace, mai noiosa e ricca di gol. La formazione viola non si è mai accontentata del risultato e, anche in vantaggio di tre reti, si è sempre spinta in avanti nel tentativo di mettere la parola fine alla pratica senese (obiettivo raggiunto con il quarto gol firmato Luca Toni). Necessario sottolineare che anche il Siena, prima del poker viola, ha comunque fatto il possibile per limitare i danni portandosi quanto possibile verso l’area avversaria e avendo anche alcune occasioni interessanti per riaprire la gara (bravo Neto in un paio di occasioni). Alla fine però la differenza a livello di tasso tecnico si è fatta sentire.

VOTO FIORENTINA 7,5 – La formazione viola dimostra ancora una volta un ottimo gioco e un grande affiatamento, confermando il perfetto funzionamento della macchina assemblata da Vincenzo Montella. Da Luca Toni fino ad Aquilani, passando per Pizarro e Pasqual, la squadra dimostra un gioco corale che passa per i piedi di tutti i suoi componenti, nessuno escluso, ottenendo una vittoria con cui viene inviato un chiaro messaggio: la Fiorentina punta all’Europa, bisogna solo capire quale. In più il gruppo è compatto: prova ne è il gesto di Jovetic che potrebbe segnare al rientro dopo un mese ma lascia il rigore a Pizarro, che ne aveva più bisogno.

VOTO SIENA 5 – Pur non mollando mai, il Siena dimostra di avere ancora molto lavoro da fare. La Fiorentina diventa padrona del campo fin dall’inizio e va in gol due volte dopo neanche venti minuti di gioco: Cosmi striglia i suoi nell’intervallo e una parziale risposta si nota nella seconda frazione del match, ma evidentemente non basta. La squadra non crea quasi mai particolari pericoli nell’area avversaria e si lascia attraversare dagli spunti offensivi viola con estrema facilità. Si è visto di peggio e i bianconeri sono senz'altro combattivi, ma quando lotti per la salvezza non puoi permetterti di subire due gol in tre minuti.

VOTO ARBITRO TAGLIAVENTO 6,5 – Dirige bene, anche se per gran parte dei novanta minuti la gara risulta molto corretta. Nella seconda metà della ripresa gli animi si scaldano e il direttore di gara mette tutti in riga distribuendo gialli (giusti) a destra e a manca. Espelle giustamente Paci per doppia ammonizione e non fischia, ancora giustamente, un tocco di Rubin in area che a prima vista poteva essere di mano ma che in realtà era regolare.

 

LE PAGELLE DI FIORENTINA-SIENA: I VOTI DEI VIOLA

NETO 6: In campo al posto di Viviano e all'esordio stagionale in campionato, non ha un gran lavoro da fare, anche se salva il risultato in un paio di occasioni. Meno convinto sulle uscite, su cui dovrebbe lavorare di più.

RONCAGLIA 6: Presenza notevole in campo che si fa notare, sia in fase difensiva che in attacco, dove tenta anche di andare in gol. Peccato però per l’ammonizione che, alla luce della diffida, non gli permetterà di giocare la prossima sfida in casa del Palermo.

RODRIGUEZ 6.5: Probabilmente uno dei difensori migliori di questo momento: sempre presente, sempre in anticipo, sempre pronto a far ripartire la squadra. Da tenere d’occhio.


  PAG. SUCC. >