BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

EUROPEI 2020/ La Uefa approva la rivoluzione di Platini: il torneo si giocherà in 12 città di diverse nazioni

L'Esecutivo Uefa ha approvato la proposta del presidente Michel Platini sull'Europeo del 2020, che si disputerà in 12 o 13 città di tutto il Continente. Per l'Italia ci sarà Roma

Michel Platini, presidente Uefa (Infophoto) Michel Platini, presidente Uefa (Infophoto)

Gli Europei 2020 di calcio si giocheranno in diversi Paesi del Continente. Lo ha annunciato oggi a Losanna il segretario generale della Uefa, l'italiano Gianni Infantino. La competizione si svolgerà dunque in una dozzina di città di stati diversi, con una procedura di candidatura che cambierà radicalmente. Per ora, l'unico vincolo già definito è che le partite partite di Euro2020 potranno essere disputate solamente in stadi a norma. Sarà dunque questo il secondo atto della 'rivoluzione' voluta dal presidente Michel Platini, che inizierà già nell'edizione del , che si disputerà in Francia e che per la prima volta vedrà la partecipazione di ben 24 squadre alla fase finale: cambieranno dunque sia il format delle qualificazioni sia quello del torneo, che prevederà l'aggiunta degli ottavi dopo i gironi.

Il sogno di Michel Platini di unire quanti più Paesi possibili nell'organizzazione dell'evento, sia come segno di festa e di fratellanza sia – più prosaicamente – per ridurre i costi, prende dunque forma. Il Comitato Esecutivo della Uefa ha dato oggi il via libera perché gli Europei del 2020 si giochino non in uno o due Paesi (come è sempre successo finora) ma in diverse città del Vecchio Continente. Da tempo Le Roi stava portando avanti l'idea di un torneo in dodici oppure tredici Paesi scelti in base al ranking Uefa. Sia i nomi della città sia le modalità esatte della 'spartizione' vanno ancora definite, anche se ad esempio tanto la Football Association inglese ha già avanzato la candidatura di Wembley per ospitare la finale. Ma c'è anche la Turchia che spinge per Istanbul, in particolare se la città sul Bosforo dovesse ospitare pure le Olimpiadi – per le quali si è candidata – per essere la capitale mondiale dello sport. In ogni caso, Londra e Istanbul quasi certamente saranno tra le città ospitanti, insieme a tutte le altre più importanti del Continente, tra cui Roma per l'Italia. Certamente ci saranno anche Parigi, Madrid, Berlino, Mosca, Atene ed Amsterdam, anche se come detto per avere l'ufficialità bisogna aspettare ancora un po'. L'idea di coinvolgere tutto il continente nasce per festeggiare il 60esimo anniversario della manifestazione, che nacque nel 1960, quando fu organizzata dalla Francia e vide il successo finale dell'URSS.