BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MILAN-JUVENTUS/ Currò (Repubblica): Allegri può far tesoro delle sconfitte, ma vedo un pareggio (esclusiva)

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Massimiliano Allegri (Foto: Infophoto)  Massimiliano Allegri (Foto: Infophoto)

Un Milan che sappia sfuggire al pressing altissimo della Juve. Le opzioni a disposizione sono due, in questi casi: o cerchi di correre più dell’avversario, oppure devi esibire un fraseggio corto e veloce, cercando di passare la palla sempre al compagno più vicino. E’ un gioco che puoi fare tranquillamente, se hai a disposizione dei brevilinei come Robinho o Emanuelson.

Giovedì sapremo se Ibrahimovic sarà o meno della gara: come cambierà la squadra con o senza di lui?

Cambierà tantissimo, ma soprattutto sotto il profilo psicologico, della sicurezza. Sotto il profilo tattico, invece, non credo che cambi molto, Allegri metterà in campo, comunque, due attaccanti forti, ora che ha recuperato pure Pato. Certo, se giocherà, Ibra sarà molto carico, anche perché vorrà farsi perdonare la sciocchezza commessa contro il Napoli. Si dice che non sia decisivo nei big-match, ma questo potrebbe valere, forse, a livello internazionale (Arsenal escluso), non certo a livello nazionale, dove mi pare la differenza la faccia sempre, eccome.

Come giudica i battibecchi arbitrali di questi giorni? Tra allenatori e dirigenti, non si può dire che si siano risparmiati sul tema…

Io credo che in generale le polemiche facciano parte del calcio, non la vedo come una cosa completamente negativa. L’importante è che non siano livorose; al contrario, se sono spiritose, servono anche a stemperare la tensione. Ad esempio, ricordo quella volta che Totti fece il quattro con le dita, rivolto ai giocatori della Juve: lì non ci vidi nulla di male. Basta, ovviamente, che non si esageri, anche per non esacerbare gli animi delle tifoserie. In definitiva, una sana antipatia tra le parti ci può stare: non bisogna essere buonisti a tutti i costi.

Sarà una sfida decisiva, a suo avviso?

No, manca ancora troppo, ma questo, comunque, dovrebbe favorire lo spettacolo. Non essendo decisiva, penso che le due squadre giocheranno in maniera assai spregiudicata.

Se la sente di fare un pronostico?

Sì, credo che finirà in parità, anche perché vedo molto equilibrio. Secondo me nel primo tempo proveranno entrambe a superarsi. Se nessuna delle due prevarrà, a lungo andare capiranno che, tutto sommato, un punto non sarebbe da disprezzare.

 

(Alessandro Basile)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.