BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

DIRETTA/ Irlanda-Italia live (Rugby, Sei Nazioni 2012): la partita in temporeale

Irlanda-Italia è la partita che riapre il prestigioso torneo del Sei Nazioni di rugby dopo il periodo di riposo. La diretta di Irlanda Italia (Rugby, sei nazioni) live in temporeale

Martin Castrogiovanni, oggi in Irlanda-Italia non ci sarà (Foto: Infophoto) Martin Castrogiovanni, oggi in Irlanda-Italia non ci sarà (Foto: Infophoto)

DIRETTA IRLANDA-ITALIA LIVE (RUGBY, SEI NAZIONI) - Irlanda-Italia è la partita che riapre il prestigioso torneo del Sei Nazioni di rugby dopo il periodo di riposo. L'Irlanda gioca di nuovo in casa, all'Aviva Stadium, la sua seconda partita in questo Sei Nazioni a causa dell'incauta scelta di giocare la prima gara in trasferta sfidando il ghiaccio del "blizzard" che ha colpito l'europa un paio di settimane fa. Saltata la partita e Irlanda che in classifica si trova con una sola partita giocata e pure sconfitta (anche se assolutamente di misura). Irlanda quindi al quarto posto del Sei Nazioni, con una partita in meno e tanta voglia in più per sbarazzarsi dell'Italia e tornare a vincere per attaccare le posizioni di vertice. Grinta da vendere sul grande prato verde dell'Aviva Stadium che - per parafrasare la canzone - vedrà nascere tante speranze del rugby, un impianto nuovo e ai limiti del poetico per come coniuga tecnologia e tradizione (si parla di Rugby, con la R maiuscola e si sa che la tradizione è tutto, anzi forse di più). L'Italia fanalino di coda (due partite, due sconfitte) è chiamata a fare bene contro l'Irlanda anche perchè schiodarsi dall'ultimo posto è una missione possibile, ci condanna la sola "differenza reti", e per giunta di un misero punticino. Oggi si deve cambiare marcia, e se pensare di vincere in casa dell'Irlanda è sportivamente un'utopia, perdere con onore, quello no, si può (e si deve) fare.
CLICCA QUI PER LA DIRETTA DI IRLANDA-ITALIA LIVE (RUGBY, SEI NAZIONI): SEGUI E COMMENTA LA PARTITA IN TEMPOREALE
L'Irlanda arriva all'appuntamento con l'Italia con un bel po' di freschezza in più degli azzurri e con la carica giusta per fare una grande prestazione davanti al proprio pubblico. La vittoria manca e ai Quadrifogli non si può chiedere se non lavare l'onta quanto prima. Vero è che non sono più la superpotenza del rugby di qualche anno fa, ma sanno ancora farsi valere, eccome. L'allenatore dell'Irlanda ha il vantaggio di poter confermare la formazione tipo che avrebbe dovuto battersi nello scorso turno del Sei Nazioni contro la Francia, e i quindici hanno proprio voglia di assaggiare il campo, visto che anche a partita annullata improvvisarono alcuni scambi, quasi un allenamento per smaltire una adrenalina che non ha fatto fatica a "sciogliere" il terreno ghiacciato e ad abbattere il freddo. Rispetto e memoria sono comunque le due parole chiave per interpretare la sfida con la nazionale italiana da parte dell'Irlanda "Non dobbiamo dimenticare che a Roma un anno fa li abbiamo battuti solo con un drop all'ultimo minuto", ammonisce Kidney. Vero, certamente, ma sotto sotto gli irlandesi sanno che se sapranno domare gli ardori di una Italia molto più coraggiosa dopo l'arrivo di Brunel, ma priva di Castrogiovanni (uomo simbolo e pestatore mica da ridere), avranno nel piedino di Jonathan Sexton l'arma in più per far secchi i Fratelli d'Italia. Staremo a vedere se ci riusciranno. 
L'Italia di Brunel cerca contro l'Irlanda l'ennesima gara che possa ridare entusiasmo alla piazza. Vincere sarà dura, anche se l'Irlanda è priva di campioni del calibro di Brian O'Driscoll e Ronan O'Gara (in panca) e il ct azzurro sa che il buon Kidney può aver trovato la quadratura del cerchio riposizionando nomi e pedine attorno a Sexton. Poi - brutta tegola - l'Italia non può contare su Castrogiovanni (al suo posto un vogliosissimo Cittadini) che tanto pareva indistruttibile, quanto si è rivelato purtroppo impotente a far fronte al crack di una costola sotto una brutta mischia. Vorrei vedere voi. Ma purtroppo gli infortuni sono parte integrante del rugby, di una battaglia che oggi si chiama Sei Nazioni, domani Heineken Cup, o altro. Brunel prova a mescolare un po' le carte per non lasciare all'Irlanda tempo libero nel ripasso degli appunti sulle caratteristiche dell'Italia. Gori e Botes in cabina di regia (scelta inedita), nessuna novità in seconda e terza linea, Cittadini come detto sostituirà Castrogiovanni e partirà titolare. Per lui una grande opportunità, e una grande responsabilità. Ma ciò che conta, ricordiamoci, è la squadra. Oggi, quindi, si combatte una battaglia che i numeri sembrano dire persa in partenza: tra Irlanda e Italia nelle ultime dodici partite le sconfitte altrettante. Oggi si gioca la tredicesima sfida in questa lunga scia negativa. Di solito il tredici non è un numero qualsiasi, potrebbe portare anche sfortuna. Ma ai Quadrifogli o a noi? Staremo a vedere, tra poco Irlanda-Italia comincerà a stupirci e (come ricorda Diego Dominquez da noi intervistato) con l'Irlanda non abbiamo mai fatto davvero brutte figure.

CLICCA QUI PER LA DIRETTA DI IRLANDA-ITALIA LIVE (RUGBY, SEI NAZIONI): SEGUI E COMMENTA LA PARTITA IN TEMPOREALE