BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

MILAN-JUVENTUS/ La lite tra Boban e Conte: "sei scorretto!", "togliti la maglia prima di parlare!" (video)

Le polemiche per i discussi episodi avvenuti durante la gara di ieri sera tra Milan e Juventus sono continuati ben dopo il triplice fischio di Taglavento. Prima negli spogliatoi, poi in tv

Foto InfoPhoto Foto InfoPhoto

Le polemiche per i discussi episodi avvenuti durante la gara di ieri sera tra Milan e Juventus sono continuati ben dopo il triplice fischio di Taglavento. Prima negli spogliatoi, con Adriano Galliani che urla di tutto agli arbitri, ad Agnelli e a Conte, che gli risponde a tono. Poi in campo a fine partita, con la rissa sfiorata tra Ambrosini e Chiellini, fermati prontamente dai compagni di squadra, poi in televisione, prima con la sfuriata in diretta di Pellegatti che insulta clamorosamente il tecnico bianconero, e poi in diretta Sky, con la lite tra il solito Conte, sempre in prima fila a litigare con chiunque, e Zvonimir Boban, presente in studio con Ilaria D’Amico&Co.  Boban fa prima notare al tecnico bianconero che i due errori del guardalinee Romagnoli, prima la rete non assegnata al Milan e poi il fuorigioco inesistente di Matri, «hanno un peso diverso, e se non lo ammetti non sei onesto». Conte non ci sta, e replica deciso «che tu non sei onesto, perché trattasi entrambi di errori tecnici, uno a loro sfavore e uno in nostro danno. Non vedo differenze. Veniamo da una settimana in cui ci avete bombardato. Io sono qui in maniera molto serena, non volevo fare polemica. Ma stasera c’era un ambiente per nulla bello per lo sport». I due parlano anche del litigio avvenuto a fine primo tempo negli spogliatoi: «Sono delle cose che succedono – ha detto Conte - ma quando io salgo dal sottopasso mi aspetto di non trovare persone che mi insultino e che non dovrebbero stare lì. Comunque ripeto, succede. Dispiace, questa partita è stata caricata troppo, da tutti quanti. Brutto ambiente in generale, e mi riferisco a tutti, me compreso. La gara è sempre nel rettangolo verde, lì deve restare, invece sono successe troppe cose che non hanno niente a che fare con il calcio». Fortunatamente i due la finiscono qui, senza far degenerare la discussione, con Conte che alla fine ricorda il legame che c’è con Boban, che conosce da una vita: «Il Milan secondo me avrebbe meritato di più, però sono successe delle situazione a discapito nostro e loro. Poi rischio di litigare con delle persone con cui ho giocato e di cui ho grande stima». Quindi, continua il tecnico bianconero, «complimenti al Milan, che per un’ora ci ha messi sotto con le nostre armi: corsa rabbia a determinazione. Però, sapevo che non avrebbero potuto tenere quel ritmo per 90'. E noi siamo stati bravi a trovare nuova linfa dai cambi, a ripartire, a recuperare. Abbiamo dimostrato cha la nostra striscia di 27 gare senza sconfitte non è casuale. Un pareggio scudetto? Lasciamo stare, dopo questa partita lasciamo davvero stare. Il Milan meritava di più, e questa sera ha dimostrato tutta la sua forza, nonostante le tante e importanti assenze».