BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PAGELLE/ Milan-Napoli (0-0): i voti, la cronaca, il tabellino (ventiduesima giornata)

Pubblicazione:domenica 5 febbraio 2012

Edinson Cavani (Infophoto) Edinson Cavani (Infophoto)

PAGELLE

 

Milan

Abbiati, 6 Buone le sue uscite a bloccare cross pericolosi e buona anche la sua parata di pugni sul bolide di Hamsik.

Amelia, 6 Per fortuna non viene impegnato troppo e riesce quindi diligentemente a fare la cosa più importante oggi: non subire reti.

Abate, 5,5 Due indecisioni clamorose in fase difensiva lasciano Lavezzi e Cavani soli al tiro in area. Si rifà con delle buone chiusure in angolo su Zuniga. Sembrano però lontani i giorni in cui si era guadagnato la convocazione in nazionale.

Mexes, 6 I pericoli per il Milan arrivano più dalle fasce che dalle vie centrali. Non corre quindi grandi pericoli.

Thiago Silva, 6,5 Decisamente in palla e anche in grado di dare una mano ad Antonini e persino in attacco.

Antonini, 6 Forse la sufficienza arriva grazie al confronto con la prova di Abate. In ogni caso non ha sofferto più che tanto le sgroppate di Maggio, anche grazie al supporto di Thiago Silva.

Van Bommel, 6 Porta ordine in una zona delicata del campo. Nonostante tutti i minuti che ha nelle gambe offre una buona prova. Peccato per l’ammonizione che gli farà saltare la trasferta di Udine.

Emanuelson, 6 Per lo meno si impegna. Peccato solo che le sue conclusioni non siano state mai pericolose per De Sanctis.

Nocerino, 6,5 Oggi è il migliore dei suoi. Nel primo tempo, visto che Ibrahimovic non sembra in palla, è l’unico che riesce a creare qualche diversivo in avanti.

Seedorf, 6 Diligente, cerca anche di incoraggiare Antonini e Amelia nelle vesti di capitano. Da lui ci si aspettava forse qualche coniglio dal cilindro per risolvere la gara.

Ambrosini, sv.

Robinho, 5 Prima è assente, poi si divora un gol. Solo quando Ibrahimovic viene espulso si sveglia e impensierisce De Sanctis.

Maxi Lopez, sv.

Ibrahimovic, 4,5 Avete presente quella testa matta di Ibrahimovic? Quello che sputava contro gli avversari facendosi espellere? Oggi è ritornato con un inutile schiaffo ad Aronica. Gesto reso ancora più vile dal fatto di aver cercato di occultarlo con un abbraccio al compagno Nocerino. Senza dimenticare che ora gli toccherà saltare la trasferta di Udinese. Altro che Ibra-Cadabra!


< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >