BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

MORTO BOVOLENTA/ Tofoli: il mio amico Bovo e quella sua allegria contagiosa (esclusiva)

Foto: InfoPhotoFoto: InfoPhoto

Bovolenta giocava nella Volley Forlì e, nonostante la recente retrocessione, aveva deciso di ripartire dalla B2 e sposare il progetto della squadra. «Nel momento in cui ho scelto Forlì - spiegava Bovolenta in una lettera aperta al mondo del volley - sapevo che non sarebbe stato semplice; la società, mostrando serietà, ha deciso, nonostante il difficile momento economico generale, di proseguire l'attività e ripartire dai giovani attraverso una più modesta B2. Ho deciso comunque di rimanere qui, lavorando alla ricostruzione di questa squadra, convinto in questo anche dalla volontà di rimanere vicino alla mia famiglia, che mi ha fino ad ora sempre seguito nelle varie città in cui ho giocato».

Adesso Paolo Tofoli ci spiega che «Bovo poteva giocare tranquillamente ancora in A1 o A2, invece ha scelto di restare a Forlì nonostante la retrocessione, per intraprendere la carriera da dirigente e per restare vicino alla famiglia. Posso solamente immaginare cosa stiano provando adesso i suoi familiari». Proprio alla famiglia di Bovolenta è diretto il messaggio con cui Tofoli chiude questa intervista: «Io e la mia famiglia siamo molto vicini in questo momento alla moglie e ai figli, a cui mando un grandissimo abbraccio».

 

(Claudio Perlini)    

© Riproduzione Riservata.