BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PAGELLE/ Udinese-Atalanta (0-0): i voti, la cronaca e il tabellino (ventiseiesima giornata)

Pubblicazione:domenica 4 marzo 2012

Francesco Guidolin (Infophoto) Francesco Guidolin (Infophoto)

LE PAGELLE DI UDINESE-ATALANTA (RISULTATO: 0-0): I VOTI, LA CRONACA E IL TABELLINO – Finisce a reti inviolate la sfida tra Udinese e Atalanta, valida per la ventiseiesima giornata di serie A. Al Friuli va in scena una partita decisamente noiosa, avara d'emozioni e che non regala azioni da ricordare, fatta eccezione la miracolosa parata di Consigli nel finale di gara che nega il gol a Totò Di Natale che era già pronto a festeggiare. L'Atalanta continua quindi a ottenere risultati utili, raggiungendo il quinto consecutivo, mentre i friulani hanno accusato soprattutto le tante assenze, come quelle di Pinzi e Isla. Per la squadra di Guidolin il terzo posto si fa sempre più difficile, e di cero la vittoria della Lazio nel derby capitolino non aiuta.  
SINTESI PRIMO TEMPO – A saperlo prima, i primi quarantacinque minuti di gara potevano essere spesi in qualsiasi altro modo: nel primo tempo infatti non succede praticamente nulla, con l'Udinese che cerca di penetrare la difesa avversaria, e con l'Atalanta che resiste bene agli attacchi restando serrata per quasi tutta la prima frazione di gioco nella propria metà campo. Allo scadere del tempo, non si registra neanche un'occasione da entrambe le parti, ma solo la bravura della difesa nerazzurra a non scomporsi mai di fronte ai tentativi dei friulani. Squadre a riposo e niente da dichiarare. 
SINTESI SECONDO TEMPO – L’Udinese rientra in campo molto più convinta, con la chiara intenzione di chiudere la gara il prima possibile. I friulano partono quindi all'arrembaggio, prima con una punizione di Domizzi che non centra il bersaglio, e poi con un tentativo aereo di Pasquale, che tolto questo tentativo resterà nell'ombra per quasi tutta la gara. Guidolin cerca allora di dare spinta e grinta alla squadra, inserendo prima Floro Flores al posto di Fabbrini, e poi Armero per Pasquale. Inizialmente la scelta appare azzeccata perché l'Udinese crea in effetti più occasioni e si porta avanti con più decisione. Eppure il risultato non cambia. Nel finale le due occasioni principali della gara: prima con Fernandes, che di testa non riesce a schiacciare sotto porta, poi con Di Natale che, a tu per tu con Consigli, si fa ipnotizzare dall'estremo difensore facendo così sfumare la vittoria. Zero a zero, unico risultato possibile per una partita come questa. 

 


  PAG. SUCC. >