BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

EUROPA LEAGUE/ Az Alkmaar-Udinese, Cordolcini: favoriti i friulani, ma occhio al centrocampo olandese (esclusiva)

Per commentare l’andata degli ottavi di finale di Europa League tra Az Alkmaar e Udinese, IlSussidiario.net ha sentito ALEC CORDOLCINI, giornalista esperto di calcio olandese.

Foto InfoPhoto Foto InfoPhoto

Va in scena stasera l’andata degli ottavi di finale di Europa League, Az Alkmaar -Udinese in programma all’Afas Stadion alle 21,05. Un impegno difficile per la formazione allenata da Francesco Guidolin perché l’Az sta vivendo un ottimo momento. E’ infatti in testa all’Eredivisie il campionato olandese, ha eliminato l’Anderlecht nello scorso turno di Europa League e proprio in Europa non perde da nove partite, dove ha collezionato quattro vittorie e cinque pareggi. L’Udinese cercherà di sfatare anche un altro tabù che la vede sempre sconfitta in Olanda: 1-0 per mano dell’Ajax nel secondo turno della Coppa Uefa 1997-98 e 2-0 contro il Nec Nijmegen nella fase a gironi di Europa League 2008-2009. Un Udinese che parte comunque favorita se non altro per avere in squadra quel Totò Di Natale che si può considerare un attaccante di valore internazionale. E poi per il fatto che la compagine friulana avrà il ritorno in casa. In ogni caso un bel match che dovrebbe regalare spettacolo e magari tanti gol, senza che le due squadre pratichino tatticismi particolari. Per commentare questo match abbiamo sentito Alec Cordolcini, giornalista esperto di calcio olandese.

Chi vede favorita per il passaggio di questo turno di Europa League?

Per il 55% vedo favorita l’Udinese, che ha un Di Natale in più in attacco.

Come pensa si svilupperà a livello tattico questo match?

Az in attacco, anche perché il suo allenatore Gertjan Verbeek predilige il calcio offensivo soprattutto in casa, Udinese pronta a colpire in contropiede sfruttando la debolezza del reparto arretrato dell’Az.

Qual è invece il punto di forza degli olandesi?

I tre centrocampisti sono il punto di forza dell’Az, essendo dotati anche di piedi buoni, di buone qualità tecniche.

Come nasce la favola dell’Az?

Due anni fa la società era in bancarotta, venne ceduta la rosa della squadra. Poi vennero acquistati nuovi giocatori a parametro zero. Ed ora ecco la situazione attuale, Az in testa al campionato, approdo agli ottavi di Europa League e lancio di tanti giocatori giovani.

Come le sembra questo Az?

Può vincere il campionato e potrà essere competitivo in Europa League anche le prossime stagioni, non tanto in Champions League se si qualificasse per questa manifestazione.

L’Udinese potrebbe sentire la pressione dell’ambiente?