BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PIERMARIO MOROSINI/ L'amico di famiglia: aveva trasformato in positività i dolori della sua vita

Pubblicazione:domenica 15 aprile 2012 - Ultimo aggiornamento:domenica 15 aprile 2012, 19.04

Piermario Morosini (InfoPhoto) Piermario Morosini (InfoPhoto)

«Ho sentito poche ore fa Armando Madonna, e naturalmente quanto accaduto è stato devastante per lui, soprattutto perché in questi casi ci si trova proprio lì senza poter far niente. Si vorrebbe dare e fare tutto per aiutare un amico in difficoltà, ma purtroppo si è costretti a restare a guardare. e credo che questa sia una delle cose più brutte che possa capitare. Inoltre c’era un rapporto particolare, una conoscenza decennale con Piermario che ha ovviamente acuito la sofferenza per quanto accaduto».

E’ stato proprio l’allenatore del Livorno, Armando Madonna, a essere informato per primo della morte di Morosini: «Quando la squadra è andata dallo stadio all’ospedale, tutti ancora non sapevano niente sulle condizioni di salute di Piermario: credevano fosse ancora tenuto in coma farmacologico e che i medici stessero ancora tentando di rianimarlo. Poi, una volta arrivati all’ospedale di Pescara, Madonna è stato fatto entrare nella stanza dove si trovava il ragazzo, e gli hanno detto che purtroppo era morto. E’ stato lui a doverlo comunicare alla squadra e a tutto lo staff».

 

(Claudio Perlini)  

 



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.