BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PAGELLE/ Bologna-Genoa (3-2): i voti, la cronaca, il tabellino (35esima giornata di Serie A)

Pubblicazione:

Gaston Ramirez (Infophoto)  Gaston Ramirez (Infophoto)

LE PAGELLE DI BOLOGNA-GENOA (3-2): I VOTI, LA CRONACA, IL TABELLINO Il Genoa finisce a ko anche a Bologna e ora lo spettro della retrocessione per il Grifone diventa più reale. Per i padroni di casa, invece, arrivano tre punti che ormai mettono al sicuro la permanenza in serie A anche per quest’anno. Il Bologna ha avuto vita facile sin dall’inizio della partita e prima dell’intervallo aveva già segnato due reti con Portanova e Ramirez. Inutile il gol di Palacio, perché Garics riporta di nuovo a due reti il distacco del Bologna. Alla fine per il Genoa arriva anche la rete di Jorquera. Resta il preoccupante fatto che il Genoa non ottiene i tre punti da una serie negativa record di quattordici partite consecutive. 

SINTESI DEL PRIMO TEMPO La partita comincia con il Genoa all’attacco, con diverse iniziative di Sculli. Purtroppo, però, appena il Bologna inizia a premere passa subito in vantaggio. Al 24’ Ramirez viene messo giù sulla trequarti: Diamanti batte una punizione tesa in area, stacco di Portanova che segna di testa il gol del vantaggio. La reazione del Genoa è timida: un paio di cross dalla destra di Mesto che non vengono sfruttati a dovere da Palacio e Belluschi. Il Bologna continua a giocare e trova il raddoppio.  In occasione di un’iniziativa di Diamanti in contropiede, la palla finisce tra i piedi di Taider, che lancia con precisione millimetrica Di Vaio: il numero 9 va alla conclusione rasoterra che Frey respinge. Per sfortuna del portiere del Genoa, la palla resta in area e arriva Ramirez a depositarla in rete. Siamo al minuto 38. Non ci sono poi altre occasioni degne di nota e il primo tempo al Dall’Ara si chiude sul punteggio di 2-0 per il Bologna.

SINTESI DEL SECONDO TEMPO La seconda frazione di gara comincia con un Genoa arrembante: dopo 5’, corner dalla sinistra di Mesto, Palacio spizza di testa sul primo palo, la palla rimbalza nell’area piccola e su di essa si avventa Kaladze che, a portiere battuto, centra in pieno la traversa. È il preambolo di un gol che gira nell’aria. Infatti, al 14’ Mesto batte una punizione dalla trequarti sul secondo palo, Marco Rossi fa sponda di testa mettendo la palla sul primo e Palacio prende il tempo a tutti e incorna sotto la traversa la rete del 2-1, che accorcia le distanze e dà speranza ai grifoni.  Al 20’, cambio tra le file del Bologna che si rivelerà decisivo: esce Ramirez, autore di una buona prestazione, ed entra Belfodil. Dopo due minuti, Belfodil semina il panico sulla destra saltando Rossi con un doppio passo, la mette dietro per Diamanti posizionato sul dischetto del rigore, e questi la appoggia a Garics, inseritosi al suo fianco, che di destro conclude nel sette non lasciando scampo a Frey. Le speranze del Genoa sembrano scomparse, ma De Canio decide di far entrare Jorquera al posto di Belluschi: altro cambio che si rivelerà decisivo. Al 32’, infatti, Palacio parte palla al piede dalla sua metà campo, salta in velocità due avversari, arrivato in area sterza, riesce a mantenere il controllo del pallone e ad appoggiare al suo fianco al neo entrato Jorquera, inseritosi da dietro, il quale controlla e infila in rete il gol del 3-2, sorprendendo Agliardi sul suo palo, e riaccendendo una fiammella di speranza nei cuori dei giocatori e dei tifosi del grifo. L’ultimo quarto d’ora è un vero e proprio assedio alla porta del Bologna: i genoani ci provano in tutti i modi, sfiorando il gol in un paio di occasioni, prima su colpo di testa di Kucka, poi di Sculli, entrambi da corner di Jorquera. Ma alla fine, dopo 3’ di recupero, il Genoa deve rassegnarsi alla sconfitta.

CLICCA SUL PULSANTE > QUI SOTTO PER LE PAGELLE DI BOLOGNA-GENOA (3-2): I VOTI, LA CRONACA, IL TABELLINO DELLA PARTITA DI SERIE A


  PAG. SUCC. >