BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

OM-MONTPELLIER/ Jacobelli: come Lazio-Inter, è da folli tifare contro la propria squadra (esclusiva)

Pubblicazione:lunedì 9 aprile 2012

Didier Deschamps, allenatore del Marsiglia (Infophoto) Didier Deschamps, allenatore del Marsiglia (Infophoto)

TIFO “CONTRO”, IL COMMENTO DI IACOBELLI (ESCLUSIVA) – L'ultimo episodio salito agli “onori” - per modo di dire – della cronaca è proprio di oggi: i tifosi dell'Olympique Marsiglia, che ieri sera ha perso a Parigi contro gli storici rivali del Paris Saint Germain, hanno chiesto ai loro (non troppo) “beniamini” di perdere anche contro il Montpellier. Il Marsiglia infatti ormai non ha più grandi obiettivi da raggiungere in questa stagione, e la cosa che sembra interessare maggiormente ai suoi tifosi sia ormai non far vincere il titolo francese al Psg: rivale dei parigini in testa alla classifica della Ligue 1 è il Montpellier, quindi... forza Montpellier. Questa non è certo una novità: in Italia ancora tutti si ricordano i tifosi della Lazio tifare Inter in ben due occasioni – andò male (a loro e ai nerazzurri) nel 2002, bene invece nel 2010 – ma molti sono stati gli episodi di questo tipo, anche in nazioni che generalmente vengono prese a modello per cultura sportiva; ad esempio, nello stesso giorno di Lazio-Inter del 2010 ci furono i tifosi del Liverpool che tifarono per il Chelsea contro la loro squadra pur di favorire i rivali del Manchester United (storico avversario dei Reds) nella corsa al titolo inglese. Insomma, casi nei quali il tifo “contro” arriva al punto addirittura di far sperare nella sconfitta della propria squadra. Fatto che assume aspetti addirittura inquietanti in casi come l'ormai famigerato Bari-Lecce, in cui alcune frange del tifo barese sarebbero state a conoscenza del “taroccamento” della partita, guadagnandoci a loro volta scommettendo sul risultato della partita. Abbiamo voluto fare una riflessione su questi eccessi del tifo con Xavier Jacobelli, attuale direttore di Calciomercato.com e prestigiosa firma del giornalismo sportivo italiano. Intervista in esclusiva per IlSussidiario.net.

Jacobelli, quanto sta succedendo a Marsiglia ripropone il tema del tifo contro la propria squadra pur di penalizzare una rivale. Lei cosa ne pensa? 

Questo è proprio il massimo del minimo (con tono piuttosto sconsolato ndR). Capisco le passioni del tifo, ma giungere a questi livelli così bassi secondo me è una aberrazione del tifo.

Come dovrebbe essere dunque il tifo secondo lei?

Dovrebbe essere quello che dice la parola stessa: tifare per la propria squadra, andare allo stadio per sostenerla, anche e soprattutto se è in difficoltà, ma alla fine accettare sempre il verdetto del campo. Capisco di essere in netta minoranza su questo, ma io personalmente il tifo contro non riesco proprio a capirlo, e credo quindi che la cultura sportiva debba fare ancora passi da gigante.

Sembra però un problema comune a tutte le Nazioni questo...


  PAG. SUCC. >