BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PAGELLE/ Catania-Udinese (0-2): i voti, la cronaca, il tabellino (38esima giornata serie A)

Pubblicazione:lunedì 14 maggio 2012

Guidolin (Foto: Infophoto) Guidolin (Foto: Infophoto)

LE PAGELLE DI CATANIA-UDINESE (0-2): I VOTI, LA CRONACA, IL TABELLINO - La partita tra Catania e Udinese, giocata allo stadio Massimino, si è conclusa con la vittoria di 0 a 2 per i friulani. Con questa vittoria i ragazzi di Guidolin hanno raggiunto per il secondo anno di fila l’accesso ai preliminari di Champions League, terminando così la stagione al terzo posto in classifica. Il Catania perde così, all’ultima giornata, l’imbattibilità in casa, ed è costretta ad arrendersi ad un risultato che non è mai stato in discussione. Onore agli uomini di Montella, ma la giornata di oggi è stata ancora quella di Di Natale, 80 gol nelle ultime tre stagioni, e di Guidolin, tecnico che, senza che nessuno sappia spiegarne il motivo, non è stato mai scelto per una grande. Così con i gol del capitano e del giovane Fabbrini termina un anno d’oro che consacra il progetto di un club, non ricco, ma con grandissime capacità di valorizzazione dei giovani.

SINTESI PRIMO TEMPO - il primo tempo tra Catania e Udinese si è concluso con il risultato di 0 a 1 per gli ospiti. I friulani sono partiti subito forti per poter evitare brutte sorprese durante l’arco del match. Infatti subito Di Natale, nei primi minuti, ha avuto l’occasione del gol del vantaggio: sfruttando uno scivolone di Legrottaglie si è presentato davanti a Carrizo, ma il suo diagonale è finito a lato di pochissimo. La partita, resa divertente da un Catania che vuole concludere in bellezza la stagione, viene sbloccata da un assolo del capitano bianconero: al19', Domizzi in contropiede ha lanciato Di Natale che ha saltato Carrizo in uscita e con un tocco morbido di esterno destro ha evitato il ritorno di Spolli, insaccando la palla in rete. L’Udinese è andata meritatamente in vantaggio per le occasioni create. Il Catania, dopo il gol subito, ha provato a reagire, più con giocate isolate, che con un gioco collettivo: è infatti nata da tale situazione l’occasione più ghiotta per i siciliani di raggiungere il pareggio. Marchese ha saltato in area Pereyra, il terzino avversario, e ha guadagnato un rigore che Gomez, presentandosi dal dischetto come vice di Lodi, ha sparato a lato alla destra di Handanovic. Con questa ultima occasione si è concluso un primo tempo divertente con l’Udinese ad un tempo di gioco dalla conquista della Champions.

SINTESI SECONDO TEMPO - Nella ripresa il copione è stato lo stesso del primo tempo: in apertura è stato Di Natale a cercare il gol con un tiro dalla distanza che è però terminato fuori di poco. Il Catania, molto aggressivo ma poco pericoloso sotto porta è stato colpito ancora in contropiede dall’altro attaccante: al 13’ con una azione personale, il talentuoso Fabbrini, ha saltato in area il diretto avversario e accentrandosi ha bucato Carrizoo con un destro che si è infilato a fil di palo. Dopo il gol del raddoppio i friulani hanno gestito la partita, mentre il Catania ha avuto una reazione rabbiosa:  la risposta dei catanesi nasce dai piesi di Suazo e dalla testa di Spolli in due occasioni. Nella prima occasione Suazo ha saltato Domizzi e ha calciato di destro sull'esterno della rete; nella seconda occasione sugli sviluppi di una punizione il centrale di difesa Spolli ha staccato di testa, ma Handanovic si è superato. Così, terminata la reazione orgogliosa del Catania, l’Udinese ha cercato di far passare il tempo prendendo anche un palo con Asamoah, e poi al fischio finale ha festeggiato la qualificazione ai preliminari di Champions League per il secondo anno consecutivo.

CLICCA SUL PULSANTE > QUI SOTTO PER LE PAGELLE DI CATANIA-UDINESE: I VOTI E IL TABELLINO DELLA PARTITA DI SERIE A 


  PAG. SUCC. >