BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

OLIMPIADI LONDRA 2012/ Tensione Argentina-Inghilterra per uno spot sulle Falkland

Pubblicazione:

Una cartina delle Falkland  Una cartina delle Falkland

OLIMPIADI LONDRA 2012: UNO SPOT DELLA TELEVISIONE ARGENTINA FA DISCUTERE – Due isole principali, un centinaio di isolotti, 12.173 kmq di superficie e 2478 abitanti, quasi tutti nel capoluogo Stanley: queste sono le isole Falkland/Malvinas, eterna fonte di tensione tra l'Argentina e il Regno Unito. Ora si avvicinano le Olimpiadi di Londra, proprio in casa degli inglesi, e le cose non migliorano: gli argentini hanno già annunciato gesti dimostrativi a Londra 2012, per sottolineare “l'argentinità” (se così si può dire) dell'arcipelago che loro chiamano Malvinas, sfruttando la cassa di risonanza dell'evento a cinque cerchi. Ma già da ora si discute, e l'occasione è fornita da uno spot molto in voga sui canali televisivi argentini. Siamo a Port Stanley, il capoluogo delle Falkland (e anche unico vero centro abitato degno di questo nome del quasi disabitato arcipelago), e si vede un atleta che fa stretching di fronte alla Globe Tavern – principale luogo di ritrovo –, corre davanti alla sede del giornale locale “Penguin News” e chiude la sessione di allenamento risalendo gli scalini del memoriale eretto nel ricordo della battaglia che oppose la marina britannica a quella tedesca durante la Prima Guerra Mondiale, proprio in queste acque. Già questo gesto non viene visto di buon occhio oltre Manica, ma il “peggio” dal punto di vista inglese, arriva al momento dello slogan finale, che come in ogni spot che si rispetti è il pezzo forte: “Per gareggiare sul suolo inglese, ci alleniamo sul suolo argentino”. Il protagonista è Fernando Zylberberg, giocatore della nazionale di hockey prato argentina che parteciperà ai Giochi Olimpici e che presumibilmente non riceverà una grande accoglienza. Lo slogan finale però torna a mettere in dubbio la sovranità britannica sulle Falkland, e ciò ha scatenato un caso internazionale. Il governo Cameron ha chiesto di bloccare lo spot, la presidentessa argentina Kirchner ha risposto picche. Eppure si tratta di un arcipelago sperduto in mezzo all'oceano e quasi disabitato: il petrolio è la spiegazione del fatto che queste isolette siano così importanti per entrambe le parti, tanto che nel 1982 si arrivò addirittura a una guerra. La vittoria inglese rafforzò il governo Thatcher ed invece in Argentina fece cadere la dittatura militare allora al potere.


  PAG. SUCC. >