BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

PAGELLE/ Svezia-Inghilterra (2-3): voti, cronaca e tabellino (gruppo D Europei 2012)

Zlatan Ibrahimovic (Foto: Infophoto)Zlatan Ibrahimovic (Foto: Infophoto)

INGHILTERRA

Hart 6.5: fa una partita degna della nazionale per cui gioca: riscatto.

Johnson 6.5: spinge in continuazione sulla destra ma è fondamentale in un paio di chiusure difensive. Sul secondo gol di Mellberg la colpa è probabilmente sua.

Lescott 7: quasi mai in difficoltà, chiude ogni spazio a Ibra tenendolo sempre sotto scorta.

Terry 7: ha sicuramente qualche colpa su i due gol subiti ma al netto dei 90' JT dimostra di essere un grande difensore capce anche di sfiorare il gol.

Cole 6: si sovrappone poche volte ma la sua è comunque una prestazione sufficiente.

Milner 6.5: gran lavoro sulla sua corsia dove tiene basso Olsson per tutti i primi 45'. Nella ripresa sente la stanchezza e viene giustamente sostituito.

Parker 6.5: se non fosse mai entrato Walcott risulterebbe il migliore in campo. Perfetto in fase di possesso come in quella di contenimento. Centrocampista completo dotato di tiro, fisico e visione di gioco.

Gerrard 6: un grande capitano che telecomanda su Carroll l'assit per il primo gol. Partita intensa in cui la sua sostanza non manca mai.

Young 5.5: sulla sinistra riesce a servire poco le punte, buoni sprint poco decisivi se non nell'unica azione da gol che sbalgia.

Carroll 6: quando i compagni non sanno che fare buttano palla nei suoi paraggi che con abilità doma. Il gol è il marchio di fabbrica della casa. La sua presenza, sebbene notata con discontinuità, è necessaria e si nota la differenza con la partita contro la Francia: ora c'è un punto di riferimento.

Welbeck 7: agile attaccante, per le sue caratteristiche è ottimo per completarsi con Carroll. Il gol che inventa è favoloso.

All. Hogdson 6: non tirerà mai gli urlacci di Capello, ma oggi dopo la partita di rodaggio contro la Francia, tiene sempre viva la sua Nazione. Bravo a inserire Walcott che si rivela la mossa decisiva. 

 

(Giorgio Davico - @ginovico)

© Riproduzione Riservata.