BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

PAGELLE/ Danimarca-Germania (1-2): voti, cronaca e tabellino (Gruppo B Europei 2012)

Tre assi tedeschi (Foto: Infophoto) Tre assi tedeschi (Foto: Infophoto)

Germania

 

Neuer, 5.5: fa il fenomeno con i piedi, ma poi si fa sorprendere da un nanetto, ed è pasticcione in altre occasioni

L. Bender, 6.5: praticamente esordio con gol. Non male, se aggiungiamo una prestazione dignitosa

Hummels, 7: voto soprattutto al complesso: 3 partite eccellenti, con una sbavatura solo nell’episodio del gol di Van Persie...su 270 minuti, non è male

Badstuber, 6.5: l’impressione è che stia godendo dello strepitoso stato di forma del collega, anche se comunque va detto che ci mette del suo

Lahm, 6.5: capitano imprescindibile, scatto e dribbling da giovane ragazzino, uniti a un senso della posizione e all’esperienza di un vecchio volpone

Schweinsteiger, 6: nel primo tempo latita, nel secondo diventa regista, preferendo i ritmi bassi e blandi della ripresa

Khedira, 6.5: l’inverso del compagno di reparto, solo che essere signore del centrocampo a ritmi più alti è più difficile

Müller, 6.5: per 60 minuti è il protagonista principale, poi si spegne quando il ritmo generale si abbassa

Dall’84’ Kroos, s.v.

Özil, 6+: non riesce a esprimere del tutto il suo potenziale. Manca sempre un quid, un qualcosa che lo faccia sbocciare…noi ti aspettiamo Mesut

Podolski, 6: il gol abbastanza fortunoso, qualche raro spunto e nulla più

Dal 64’ Schurrle, 6.5: entra e si rende subito protagonista con l’azione più pericolosa del secondo tempo

Gomez, 5.5: parte bene con un paio di spunti interessanti, ma nel secondo tempo scompare letteralmente

Dal 74’ Klose, 6: voto d’ufficio al vecchio dominatore d’area, ormai relegato ad un palese ruolo di chioccia, con licenza d’uccidere, se capitasse l’occasione. Stasera, purtroppo per lui, non è capitata

All.: Lowe, 7: è una Germania che pur senza impegnarsi, si dimostra nettamente sopra la media di tutta la manifestazione. Tanto di cappello a lui, che ne è il selezionatore oltre che l’allenatore

 

( Giovanni Gazzoli - Twitter @giogazzoli )

© Riproduzione Riservata.