BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

INGHILTERRA-ITALIA/ Nucera (Sky): ha vinto il migliore, ma ora si sveglino gli attaccanti… (esclusiva)

Pubblicazione:

Una esultanza di Buffon e Barzagli (Infophoto)  Una esultanza di Buffon e Barzagli (Infophoto)

INGHILTERRA-ITALIA (2-4 D.C.R.): IL COMMENTO DI ANTONIO NUCERA AL QUARTO DI FINALE DI EURO 2012 – L’Italia vince e convince nel quarto di finale di Euro 2012 contro l’Inghilterra, battuta per 4-2 dopo i calci di rigore ma dominata anche per quasi tutti i 120 minuti di gioco tra tempi regolamentari e supplementari. La squadra di Roy Hodgson ha giocato fin dall’inizio con l’obiettivo di arrivare ai calci di rigore, e ci è riuscita, anche perché l’Italia ha sbagliato troppe occasioni da gol (probabilmente questa è l’unica nota negativa su cui dovrà riflettere Cesare Prandelli), ma poi si è confermata la disastrosa tradizione dei bianchi dal dischetto. Per l’Inghilterra è infatti la sesta eliminazione ai calci di rigori da Italia ’90 ad oggi. L’Italia invece ora può pensare alla semifinale, che sarà giovedì a Varsavia contro la Germania: un grande classico del calcio mondiale, un’altra partita da non perdere. Per commentare Inghilterra-Italia abbiamo contattato Antonio Nucera, giornalista di Sky. Ecco cosa ci ha detto in questa intervista esclusiva per IlSussidiario.net.

Nucera, alla fine possiamo dirlo: ha vinto il migliore?

Sì, sì, certamente. La vittoria azzurra è pienamente meritata, anche se abbiamo sprecato troppo in partita: soprattutto le occasioni di Balotelli e De Rossi bisognava segnarle, invece poi abbiamo rischiato di perdere quando ha sbagliato per primo Montolivo…

D’altronde sembrava proprio quello l’obiettivo inglese: hanno giocato per arrivare ai rigori?

Sì, hanno impostato la partita proprio in questo modo. Possiamo dire che l’Inghilterra ha giocato “all’italiana”.

Un contrappasso storico, quasi: gli ex maestri ci hanno copiato, ma non gli è bastato…

Esatto, per fortuna ci siamo risollevati dal baratro dove stavamo per finire, e così il piano inglese non ha funzionato.

Invece si conferma la nostra tradizione: quando iniziamo in mezzo alle difficoltà andiamo più lontano?

Sì, la tradizione per ora è stata confermata. Come al solito gli italiani sono bravi a tirarsi fuori dai guai. Ringraziamo la Spagna che non ci ha buttati fuori al girone, magari la ritroveremo in finale e chissà se loro ne saranno felici…

Prima c’è la Germania: i tedeschi saranno felici di trovarci?

Sicuramente no. I tedeschi avrebbero preferito l’Inghilterra, sia perché sembra inferiore sia perché se c’è una squadra che non vogliono affrontare è proprio l’Italia. Però bisogna anche dire che questa volta sono loro chiaramente favoriti.

In cosa dobbiamo migliorare?



  PAG. SUCC. >