BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PAGELLE/ Inghilterra-Italia (2-4 d.c.r): i voti dei protagonisti (quarti di finale Euro 2012)

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Andrea Pirlo, MVP dell'incontro (Infophoto)  Andrea Pirlo, MVP dell'incontro (Infophoto)

Italia

 

Buffon 6.5: Da pallamano l'intervento su Johnson dopo due minuti. Quando poi lo si rivede chiamato in causa è passato talmente tanto tempo che quasi non ci si ricorda il suo volto. Ipnotizza Cole e ci regala la semifinale.

Abate 6.5: Primo tempo timido, ripresa più spavalda, ma frenata da un problema muscolare. (Dal 91' Maggio 6.5: Entra bene in partita, e non era facile. Crea diversi grattacapi ad uno Young ormai in debito d'ossigeno).

Barzagli 6.5: Poco chiamato in causa dagli attaccanti inglesi, svolge il suo lavoro con eccezionale sicurezza.

Bonucci 7: Piacevolissima sorpresa di serata. Sfodera eleganza e tempismo mangiando i centravanti britannici, mai così miti e tranquilli.

Balzaretti 6.5: Non ai livelli della partita con l'Irlanda, ma comunque ottimo in entrambe le fasi. Un po' di brividi quando entra Walcott, ma nulla di impossibile.

De Rossi 7.5: Sin quando resta in campo è uno spettacolo. Il tiro di mezzo esterno dopo un minuto è una delizia che apre la sua encomiabile partita. Gerrard lo guarda sfrecciare in ogni zona del campo ed è il segnale del passaggio di consegne. (Dall'80' Nocerino 7: Entra e non fa rimpiangere De Rossi. Dimostra che i nove gol realizzati in stagione non sono una casualità, sfiorando il gol nel secondo tempo supplementare. Realizza anche il rigore del pareggio con una freddezza da fantasista consumato).

Pirlo 8: Man of the Match. La foce dal quale nasce ogni idea azzurra. L'uomo al quale votarsi quando non c'è nessuna scelta che pare giusta. Si carica la squadra in spalle per oltre 120 minuti e le dà la scossa con il cucchiaio nei calci di rigore. Poeta, artista, profeta.

Montolivo 7: Sostituisce il deludente Thiago Motta ed alimenta la vox populi che lo voleva titolare con una prova di incredibile continuità. Prezioso in interdizione e bravissimo nell'assecondare il lavoro di Pirlo. Con una prestazione così gli si perdona anche il rigore sbagliato (anche perché non decisivo).

Marchisio 6.5: Alla splendida prestazione della mediana azzurra non manca il suo consueto apporto di quantità e fosforo. Gioiello raro.

Cassano 6.5: Ha la miccia corta ed un'autonomia inferiore ai novanta minuti. Quando si accende è però uno spettacolo per palati fini. Ci prova in tutti i modi, ma Hart e la scarsa vena gli dicono male. Ci rivediamo in semifinale. (Dal 78' Diamanti 6.5: La sicurezza di chi, dopo tanti anni di gavetta, trova un palcoscenico degno del suo talento. Timbra un palo, più fortuito che voluto, pennella un assist vincente, reso vano dal fuorigioco di Nocerino, e poi si toglie lo sfizio di spiazzare Hart nel rigore decisivo.

Balotelli 6: Encomiabile sotto il piano del sacrificio. Da rivedere per quanto riguarda la freddezza sotto porta. Nel primo tempo manca almeno tre ottime occasioni, nella ripresa si vede poco. Mezzo voto in più per il rigore e l'annessa esultanza.

 

All. Prandelli 7: Uscire oggi, dopo una prestazione del genere sarebbe stata un'ingiustizia di dimensioni bibliche. Dovrà lavorare sulla sterilità offensiva e, considerando il test probante che ci aspetta in semifinale, forse non basterà solo questo.

 

(Massimiliano de Cesare)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.