BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

ITALIA-SPAGNA FINALE EURO 2012/ Pardo: è mancato un Piano B, ma la "batosta" ha riconfermato Prandelli (esclusiva)

Casillas solleva il trofeo: la Spagna può esultare (INFOPHOTO)Casillas solleva il trofeo: la Spagna può esultare (INFOPHOTO)

I quarti contro l'Inghilterra: lì abbiamo tenuto benissimo dietro e in mezzo ma non siamo riusciti a finalizzare.

Stasera?

Non è colpa nè di Balotelli nè di Cassano: siamo stati surclassati da ogni punto di vista. Poi è chiaro che sono due giocatori non completamente compiuti.

In che senso?

Balotelli ha fatto un europeo così così, poi ha avuto un exploit in semifinale: sarà il futuro di questa nazionale. 

Invece l'europeo di Cassano?

Veniva da cinque mesi di stop, non poteva avere il ritmo partita: per come stava ha fatto anche troppo. Stasera non è stato brillante, ma è un discorso generale.

Lei è fiducioso per il futuro di questo gruppo, a prescindere da quello che farà Prandelli?

Sì. A parte la Spagna, che ha costruito una generazione vincente, le nazionali sono molto legate agli episodi. Basti guardare alla nostra storia: nel 2004 usciamo col biscotto, nel 2006 vinciamo ai rigori che poi ci puniscono due anni dopo, nel 2010 lasciamo stare.

Come considerare Euro 2012 in quest'ottica?

Prandelli ha fatto un lavoro incredibile, pur con molti problemi. Senza Giuseppe Rossi, con Cassano fermo per mesi, le magagne exrta-campo. Adesso siamo suggestionati da una sconfitta pesante, ma nelle analisi a freddo dovremo dare un voto alto a questa squadra, e a questo allenatore.

Le lacrime di Pirlo sono l'immagine migliore della batosta?