BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

PAGELLE/ L'Italia alle Olimpiadi di Londra 2012: i promossi e i bocciati della spedizione azzurra

Il podio del fioretto femminile individuale: Errigo, Di Francisca, Vezzali (Infophoto) Il podio del fioretto femminile individuale: Errigo, Di Francisca, Vezzali (Infophoto)

CANOTTAGGIO VOTO 6,5 – L'argento di Battisti-Sartori nel due di coppia e un altro quarto posto non sono un bottino negativo. Restano però i dubbi sulle troppe polemiche in seno alla squadra e alle tensioni tra il d.t. e troppi equipaggi. La domanda è: si poteva fare meglio?

ATLETICA VOTO 6 – Al netto del caso di Alex Schwazer, l'atletica italiana ha fatto né più né meno quello che poteva: lo splendido bronzo di Fabrizio Donato nel salto triplo (accompagnato dal quarto posto di Daniele Greco), buone gare di Rigaudo, Pertile e Vizzoni, qualche finale inattesa come quella di Floriani nei 3000 siepi. Urge però una crescita complessiva, perchè l'atletica è lo sport più globale, e sopravvivere non è facile.

CICLISMO VOTO 6 – L'epico bronzo di Marco Aurelio Fontana e altri risultati molto buoni, su tutti l'inatteso quinto posto di Marco Pinotti nella cronometro. Però fa veramente tristezza pensare che nel ciclismo su pista – che per 100 anni ci ha visto protagonisti assoluti – avessimo in gara solo Elia Viviani: è necessario risalire se a Rio si vorrà avere un voto migliore.

JUDO VOTO 6 – Spedizione dignitosa, nobilitata dal bronzo di Rosalba Forciniti: una medaglia ad ogni edizione il judo la porta sempre a casa. Le super-potenze sono altre, ma questo si sa.

TENNIS VOTO 5,5 – Arrivare sul podio era onestamente una missione difficilissima, ma almeno nel doppio femminile le coppie Errani-Vinci e Schiavone-Pennetta si sperava potessero fare più strada. Nel singolare bene solo la Pennetta.

NUOTO VOTO 4 – Spiace per Martina Grimaldi (voto 8), unica luce in un cielo cupo. Ma il resto è stata una delusione totale, dentro e fuori dalla piscina: di Federica Pellegrini e Filippo Magnini si è detto tutto, prendiamo allora come simbolo del flop il settimo posto di Fabio Scozzoli nei 100 rana, una contro-prestazione che lui stesso non ha saputo spiegare. Flop totale dei velocisti e delle staffette, salviamo i quinti posti di Gregorio Paltrinieri e di Ilaria Bianchi (voto 7).

 

(Mauro Mantegazza)

© Riproduzione Riservata.