BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

DIRETTA/ Barcellona-Sampdoria live (0-1 p.t. Trofeo Gamper) la partita in temporeale

Barcellona-Sampdoria chiude il primo tempo al trofeo Gamper e le squadre si avviano verso gli spogliatoi. Quali emozioni ci aspettano nella ripresa? La diretta di Barcellona-Sampdoria live

Ciro Ferrara, allenatore della Sampdoria (Infophoto) Ciro Ferrara, allenatore della Sampdoria (Infophoto)

DIRETTA BARCELLONA-SAMPDORIA (0-1 PRIMO TEMPO TROFEO GAMPER): LA PARTITA IN TEMPOREALE -  Il primo tempo di Barcellona-Sampdoria, valida per la 42esima edizione del Trofeo Gamper, finisce 1-0 per i blucerchiati, che sfruttano il primo minuto di gioco per portarsi in vantaggio. L’azione è tanto fulminea quanto lineare. Juan Antonio smista per Obiang, cross dalla trequarti mancina e Soriano buca difesa e portiere colpendo di testa in tuffo. Il Barcellona manda in campo la formazione B impreziosita dai Pinto, portiere riserva di Victor Valdes, più i convalescenti Afellay e David Villa, di rientro dopo lunghi calvari fisici. Che la partita interessi lo si capisce dalle tribune, gremite in ogni ordine di posti come nelle migliori notti di Champions. Dopo le fanfare di presentazione, con la sfilata degli eroi del ’92 che trafissero la Samp dei Pagliuca, Vialli e Mancini, si gioca. La Samp passa subito e soprattutto, si mostra organizzata. La formazione titolare vede l’inserimento di capitan Gastaldello al posto di De Silvestri, con Costa allargato a destra per esigenze di maggiore copertura. A centrocampo spazio a Roberto Soriano, omonimo dell’illustre Osvaldo ed autore della parabola del primo minuto, quasi letteraria per come lascia di sale il sacro tempio blaugrana. Ma torniamo al dunque: la parola chiave di questa Sampdoria sembra organizzazione. Rinsavito il Barcellona fa la partita col suo tiki taka: conj interpreti di rango inferiore i risultati sono logicamente più bassi ma non sottovalutiamo lo sforzo dei marinai genovesi. Tutti sanno cosa fare: la difesa regge i fraseggi stretti e soffre solo Deulofeu, scheggia di destra classe 1994, da seguire con assidiutà e lente d’ingrandimento. A centrocampo Obiang fa valere il suo sangue ispanico contro i giovani connazionali: perde due palloni malandrini ma globalmente sa sempre dove e da chi andare. Al suo fianco Soriano gioca a fare il Marchisio: l’inserimento-gol è la classica punta del mini iceberg, il resto sono movimenti assortiti ma sempre logici. Meno appariscenti gli attaccanti, eccezion fatta per Estigarribia che l’apprendistato juventino ha temprato alle grandi occasioni. Il paraguaiano ripiega spesso e volentieri e trova la forza per scattare facendosi trovare su ambo le fasce. Sperando che il secondo tempo non spezzi l’incantesimo, la Sampdoria rientra negli spogliatoi con un vantaggiom meritato in saccoccia. La reazione del Barça prende corpo solo nel finale: Romero esce benissimo su Deulofeu, liberato da un tre contro tre condotto da Afellay; sarà poi loo stesso olandese ha calciare alto di poco, in seguito a palla persa da Obiang; e l’ultimo destro di Deulofeu muore sulle mani aperte di Romero, dopo il tango di finte su Rossini.

CLICCA SUL PULSANTE > QUI SOTTO PER LA DIRETTA DI BARCELLONA-SAMPDORIA (TROFEO GAMPER): SEGUI E COMMENTA LA PARTITA IN TEMPOREALE