BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

DOPING SCHWAZER/ Il dottor Ferrari: Carolina Kostner assistette ad un incontro con Alex. La pattinatrice: non ci ho mai avuto a che fare

Pubblicazione:

Alex Schwazer (Infophoto)  Alex Schwazer (Infophoto)

DOPING SCHWAZER, IL DOTTOR FERRARI: CAROLINA KOSTNER ASSISTETTE AD UN INCONTRO CON ALEX - Quando il dottor Ferrari incontrò Alex Schwazer “c’era anche Carolina”. Ma lei smentisce: "non ho mai avuto nulla a che fare con lui". Torna a parlare, e a far parlare di sè, Michele Ferrari, dottor “mito” come veniva chiamato dagli sportivi che ha assistito nel corso degli anni, famoso per aver avuto in cura molti dei più grandi ciclisti in questi anni (il texano Lance Armstrong su tutti), ma non solo, poi finito nella bufera delle inchieste antidoping e a luglio di quest’anno inibito nell’esercizio della professione dall’Usada, l’agenzia antidoping statunitense, per violazione del regolamento antidoping nell'ambito delle indagini sulla squadra ciclistica Us Postal Service, con cui il texano ha vinto i primi dei suoi sette Tour de France consecutivi. Diciamolo: quando Schwazer, nel corso della conferenza stampa in cui ha ammesso tutto e ha raccontato i dettagli delle sue azioni, ha affermato che Carolina non sapesse nulla ("le facevo credere che fossero vitamine", la frase ormai famosa), in parecchi hanno storto il naso. Possibile che fosse davvero così? Le rivelazioni di Ferrari non smentiscono nè confermano, ma quantomeno instillano il dubbio. Che la Kostner fosse all'oscuro di tutto forse è vero, per ora non possiamo dire nulla: la pattinatrice di caratura mondiale e fidanzata del maratoneta medaglia d'oro a Pechino 2008 - nella marcia 50 Km - squalificato per doping alle Olimpiadi di Londra, secondo quanto dichiarato da Ferrari in un intervista a Panorama sarebbe stata presente a uno degli incontri tra lui e Schwazer. Il marciatore ha infatti ammesso di aver incontrato Ferrari “5 o 6 volte”, di avergli chiesto “consigli e “tabelle di allenamento" (Ferrari era una specie di “Guru” nella preparazione atletica, molto ascoltato da diversi sportivi); ma il bolzanino ha anche detto di non aver “mai preso niente da lui. Ferrari non l'ho sentito più dal 2011 da quando ho scoperto il casino con i ciclisti”. La Kostner, secondo il medico, sarebbe stata presente a un incontro nel 2010 a Verona; era lì per assistere a una gara del suo fidanzato. La pattinatrice ha smentito immediatamente - rilasciando all'Ansa la dichiarazione di cui sopra - quelle che per il momento sono anticipazioni di un articolo in uscita su Panorama il prossimo venerdi, che parlerà appunto dell'incontro a cui il dottor Ferrari fa riferimento. Il "non ho mai avuto nulla a che fare con lui", comunque, non significa che i due non si siano mai visti: anzi, la Kostner conferma la circostanza della sua presenza a un incontro, precisando però di avervi partecipato solo come fidanzata che accompagnava il marciatore in contatto con un ''tecnico'', dal quale poi Schwazer nel 2011, come da lui stesso chiarito e da Ferrari confermato, si distaccò alla scoperta dei sospetti sul suo conto.


  PAG. SUCC. >