BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

CALCIOSCOMMESSE/ Carrera: Conte? Farò del mio meglio per non farne sentire la mancanza

Massimo Carrera è stato scelto per sostituire Conte alla guida della Juventus dopo che a quest’ultimo è stata inflitta una squalifica di dieci mesi dalla Federcalcio

infophoto infophoto

Massimo Carrera è stato scelto per sostituire Conte alla guida della Juventus dopo che a quest’ultimo è stata inflitta una squalifica di dieci mesi da parte della Commissione disciplinare della Federcalcio italiana. Tale commissione aveva stabilito che l’istanza di patteggiamento a 3 mesi e 200mila euro concordata tra l’allenatore juventino e il procuratore federale Palazzi non fosse equa. La sentenza di condanna a dieci mesi di squalifica è stata confermata anche in appello. Carrera, quindi, si accinge a tutti gli effetti a subentrare al mister. Lo farà domani, in occasione della partita in cui i bianconeri ospiteranno il Parma. Un’occasione speciale in cui mettersi alla prova e che, di certo, non lo lascerà indifferente. Carrera, infatti,ha confessato che sarà emozionato. Ma solamente fino al calcio di inizio del match che lo vedrà esordire in panchina. Poi, ha aggiunto, penserà esclusivamente alla disputa. E a vincerla. Contro una squadra che lui stesso ha definito importante. La medesima incontrata a inizio stagione lo scorso anno, e conclusasi con un 4-1 per la Juve. Tornando a Conte, Carrera, inevitabilmente, ha parlato di quanto l’allenatore ha, sinora, fatto per la squadra. Ricordando di come, in partita, ma anche durante ogni giorno della settimana, sapeva dare la carica e motivare i propri giocatori. Anche quelli più navigati che, di tanto in tanto, hanno bisogno di qualche consiglio. «E’ difficile sostituire Conte perché ha dimostrato di essere un grande allenatore, ma farò del mio meglio per non far sentire la sua mancanza», ha dichiarato, aggiungendo: «Fortunatamente, abbiamo a che fare con un gruppo di uomini che capiscono la situazione». Rispetto all’inchiesta Calcioscommesse, non si è sbilanciato, precisando che quanto accade fuori dal campo non è motivo di turbamento. Poi, ha proseguito: «Io non sono Antonio, ma loro sanno che faccio le sue veci e mi ascoltano come se fossi lui». Parlando della formazione, invece, Carrera ha speso qualche parola sulle condizioni di Chiellini e Isla; il primo sarebbe in via di recupero e a breve valuteranno il da farsi. Isla, invece, dovrà fare prima fare un test con la primavera.