BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

DIRETTA/ PSG-Barcellona live (0-1 p.t. amichevole precampionato): la partita in temporeale

Psg-Barcellona chiude il primo tempo sul punteggio di 0-1 e con un finale da brividi per Ibrahimovic che, caduto male, ha fatto temere per il ginocchio. La diretta di Psg-Barcellona live

Zlatan Ibrahimovic, 30 anni, impegnato stasera con la sua nuova squadra contro gli ex compagni del Barcellona (INFOPHOTO) Zlatan Ibrahimovic, 30 anni, impegnato stasera con la sua nuova squadra contro gli ex compagni del Barcellona (INFOPHOTO)

Al termine del primo tempo, il Barcellona è in vantaggio per 1-0 al Parco dei Principi contro il nuovo PSG di Carlo Ancelotti. Risultato tutto sommato giusto: i blaugrana, questa sera con la seconda maglia arancio-gialla, hanno sostanzialmente dominato il primo tempo, andando alla conclusione in almeno quattro occasioni con molta pericolosità e concedendo pochissimo ai francesi, che hanno tirato in una sola circostanza (a parte un paio di colpi di testa su situazione di palla inattiva). Lo spettacolo, per i tifosi rossoblu, c'è stato solo nel pre partita: le due squadre hanno sfilato a metacampo, presentate dallo speaker per numero di maglia, pertanto si sono potuti vedere schierati sul terreno di gioco Lavezzi, Ibrahimovic e Verratti (non Thiago Silva, che è a Londra con il Brasile che oggi si è qualificato per le semifinali). Nella formazione iniziale, Ancelotti ha scelto Pastore nel ruolo che ricoprirà quest'anno, ovvero interno di centrocampo, con Lavezzi largo a sinistra nel tridente e Ibrahimovic centrale (Nenè a destra). Nel Barcellona dentro tre canterani: Planas come terzino sinistro, Sergi Roberto e Rafinha le mezzali con Sergio Busquets in mezzo. Messi e Sanchez davanti con Afellay. Il gol arriva subito, al settimo minuto: azione sulla destra di Sanchez che va via a Maxwell, cross in mezzo che Alex tocca e accomoda per Rafinha, che non ha problemi a superare Douchez. Cambia l'allenatore (primo grande test per Tito Vilanova e per i blaugrana senza Guardiola), cambiano i giocatori ma non gli schemi: gli inserimenti dei centrocampisti fanno sempre la differenza. I catalani sfiorano il gol in altre due occasioni con Messi e, in generale, danno l'impressione di essere già in forma, pur se a ritmi blandi e favoriti dalle praterie che logicamente si aprono in campo. Il Paris Saint-Germain è un cantiere aperto: bene Pastore, bene Rabiot, ma lì davanti non c'è ancora l'intesa giusta e l'unico che sembra capirci qualcosa è Nenè. Nella ripresa si attendono dei cambi da parte di entrambi gli allenatori.