BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

PARALIMPIADI LONDRA 2012/ Il medagliere finale. Per l'Italia 28 medaglie, Pancalli soddisfatto

Alex Zanardi festeggia una sua vittoria paralimpica (Infophoto) Alex Zanardi festeggia una sua vittoria paralimpica (Infophoto)

Il presidente del Comitato Italiano Paralimpico ha parlato di un vero e proprio 'trionfo': “E’ stato un trionfo: Londra segnerà uno spartiacque nella storia delle Paralimpiadi. Si sono affacciati alla ribalta atleti molto giovani, ma abbiamo visto anche straordinari campioni che hanno fatto la nostra storia. Stiamo raccogliendo i frutti del lavoro iniziato ancora prima di Pechino: quattro anni fa le fondamenta erano già state posate, ma eravamo all’inizio”. Il Cip, sotto la guida di Pancalli, ha portato a termine il passaggio delicato alle federazioni, diventando un organismo più complesso e completo. Il medagliere generale vede un vero e proprio dominio della Cina, che con 95 ori distanzia in maniera clamorosa tutti gli avversari: la Russia è seconda con 36. Pancalli però ricorda che il medagliere non può essere considerato un indice dell'attenzione di un Paese verso la disabilità: “In Italia c’è un grande impegno verso la disabilità, su tutti i fronti, e lo sport è certamente un canale importante sul binario di sviluppo. Bisognerebbe capire se in altri Paesi, accanto ai risultati sportivi, esiste una politica di reale sostegno della disabilità”. L'obiettivo ora è quello di rendere le Paralimpiadi un 'lancio' per la pratica sportiva tra i disabili, permettendo a un numero sempre maggiore di persone con disabilità di praticare sport.

Nella prossima pagina il medagliere completo delle Paralimpiadi di Londra 2012.