BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

PARALIMPIADI LONDRA 2012/ Oscar De Pellegrin oro nel tiro con l'arco: vittoria del portabandiera azzurro

Oscar De Pellegrin ha vinto la medaglia d'oro nel tiro con l'arco individuale alle Paralimpiadi di Londra 2012, battendo in finale il malese Sanawi. Terzo oro per l'Italia.

Un'immagine della cerimonia inaugurale delle Paralimpiadi (Infophoto) Un'immagine della cerimonia inaugurale delle Paralimpiadi (Infophoto)

Per l'Italia oggi è arrivata un'altra grande soddisfazione alle Paralimpiadi di Londra 2012. Dopo Cecilia Camellini, autrice di una straordinaria doppietta nei 100 e nei 50 stile libero (in entrambe le gare oro con il nuovo record del mondo), è di Oscar De Pellegrin il terzo oro dell'Italia a queste Paralimpiadi. I nostri migliori atleti non tradiscono le aspettative (a differenza di quanto era successo alle Olimpiadi): De Pellegrin infatti era stato il portabandiera dell'Italia nella cerimonia inaugurale di mercoledì scorso, onore che si era conquistato grazie a una carriera ricchissima di soddisfazioni. Oggi il nostro arciere ha riconfermato il suo titolo paralimpico nel tiro con l'arco individuale, imponendosi in una finale emozionante con il punteggio di 133-128 su Hasihin Sanawi, 29enne della Malesia. Il tiro con l'arco si conferma così sport in grado di darci grandi soddisfazioni 'a cinque cerchi': il primo oro azzurro ai Giochi di Londra era giunto appunto dalla gara a squadre maschile di tiro con l'arco, grazie a Michele Frangilli, Marco Galiazzo e Mauro Nespoli. Per De Pellegrin quella di oggi era una gara speciale: il bellunese, classe 1963 e paraplegico in seguito ad un infortunio sul lavoro, è infatti all'ultima partecipazione a una Paralimpiade. L'oro dunque è la ciliegina su una carriera ricca di tanti successi, sia a livello paralimpico sia a livello di Campionati del Mondo (che nel 2005 a Marina di Massa vinse con il record del mondo). Non va dimenticato nemmeno il fatto che la sua carriera vede pure due bronzi – alle Paralimpiadi di Barcellona e Atlanta – nel tiro a segno, prima di dedicarsi stabilmente al tiro con l'arco. Ecco dunque quali sono state le sue prime dichiarazioni dopo la vittoria in finale: “E' stata una fantastica esperienza per me, non è stato facile venire a Londra e dire che sarebbe stata l'ultima volta. È fantastico finire la mia carriera così. Voglio ringraziare tutti coloro che mi hanno sostenuto e in particolare il mio tecnico Renato Demin”. Insomma, è riuscito a raccogliere dopo avere seminato per tanti anni, se volessimo utilizzare la stessa metafora agricola utilizzata dallo stesso De Pellegrin durante il turno di qualificazione: “Vengo dall'allevamento degli animali e sono venuto a Londra per mietere il raccolto, dopo aver fatto tanto lavoro duro”.