BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

PAGELLE/ Ghana-RD Congo 2-2 (Coppa d'Africa 2013, gruppo B): i voti della partita

Foto: InfoPhoto Foto: InfoPhoto

ATSU 5: non incide più di tanto, fatica a trovare la migliore condizione. È un classe ’92, ha tempo per crescere. Sostituito per Rabiu.

BADU 6.5: centrocampista tutto fare. Si fa trovare nel posto giusto al momento giusto.

ADOMAH 6: la sua prestazione cresce col passare dei minuti.

WAKASO 5: prestazione opaca, sbaglia numerosi palloni e fatica a entrare nel vivo dell’azione.

GYAN 6: fallisce un gol gigante da solo davanti al portiere ma si salva nel prosegue del match entrando nell’azione del gol di Badu e restando il primo pericolo in area congolese.

 

PAGELLE CONGO

KIDIABA 6.5: provvidenziali alcune delle sue parate, tiene sempre a galla i suoi.

KASUSULA 5: soffre le scorribande di Asamoah, dal suo lato arriva il primo gol di Badu.

MPEKO 5.5: non sempre al meglio contro gli attaccanti avversari,

MONGONGU 5.5: tiene bene per gran parte del match ma è complice dei due gol del Ghana. Costretto ad uscire nel secondo tempo per infortunio.

MABIALA 6: prestazione sufficiente; attento in fase di copertura, non disdegna qualche folata nella metà campo avversaria.

MULUMBU 6: partita discreta; rischia di trovare il gol del 3-2 sul finire della partita. Il suo piazzato e deviato dal portiere avversario.

MAKIADI 6: assist vincente per il gol del compagno Mbutu. Gioca semplice ma in modo efficace.

MPUTU 6.5: è tra i più pericolosi dei suoi. Dopo diversi tentativi falliti, trova il gol che accorcia le distanze.

LUA LUA 6: è una spina nel fianco per la difesa avversaria. Sfortunato nel primo tempo quando colpisce la traversa ma al netto dei 90’ rimane una prestazione positiva.

KABANGU 5.5: gioca a fasi alterne, non sempre sceglie la giocata migliore.

MBOKANI 6: l’attacante dell’Anderlecht parte bene dialogando con i compagni e creando buone occasioni ma si sgonfia nel secondo tempo. Al 65’ però un suo guizzo porta al rigore che lui stesso trasforma.

 

(Giorgio Davico - @ginovico)

© Riproduzione Riservata.