BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Probabili formazioni/ Danimarca-Italia, Balotelli in albergo...(qualificazioni mondiali 2014)

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Un'immagine della partita di andata (Infophoto)  Un'immagine della partita di andata (Infophoto)

PROBABILI FORMAZIONI DANIMARCA-ITALIA (QUALIFICAZIONI MONDIALI 2014): LE NOTIZIE ALLA VIGILIA - Domani sera alle 20:15, a Copenhagen, l'Italia sfida la Danimarca nel penultimo dei due impegni di qualificazione al Mondiale del 2014 (l'ultimo, martedi contro l'Armenia). Siamo nel gruppo B, e gli Azzurri sono tranquilli: per la prima volta nella loro storia si sono qualificati con due turni di anticipo (20 punti, frutto di sei vittorie e due pareggi). Attenzione però: le due partite serviranno per definire il ranking con il quale la Nazionale andrà in Brasile, ovvero quale sorte avrà poi nel sorteggio dei gironi. Questo significa che il gruppo di Cesare Prandelli farà comunque bene a non abbassare la guardia, pur se l'intensità non potrà certo essere la stessa delle partite precedenti. Per quanto riguarda la Danimarca, la qualificazione è a rischio: al momento è terza con 12 punti, con davanti la Bulgaria di una lunghezza. Dopo questo incontro ospiterà Malta per tre probabili punti, mentre i bulgari giocano domani in Armenia e poi ospitano una Repubblica Ceca che sulla carta è tagliata fuori. Dunque, per i danesi non resta che vincere entrambe le partite e sperare. 

QUI DANIMARCA - Morten Olsen è fiducioso per la qualificazione agli spareggi: la sua Danimarca ha una partita agevole all'ultima giornata, e contro un'Italia  con il biglietto già in mano gioca in casa. Tuttavia, i risultati del girone devono far preoccupare: di fatto, la possibilità di arrivare a questo incontro con il primo posto ancora disponibile e il secondo ad ampia portata è stato sprecato contro l'Armenia, quando clamorosamente i danesi sono stati battuti 4-0 in casa. Per il resto non ci sono state grosse battute d'arresto: certo, i due pareggi interni contro Bulgaria e Repubblica Ceca hanno complicato le cose, ma tutto sommato la forza della squadra in questo momento è tale da giocarsi i playoff all'ultimo turno. Le zero vittorie casalinghe fanno preoccupare, ma tutto sommato la differenza di motivazione potrebbe essere decisiva. Torna l'ex Juventus Nicklas Bendtner, che era stato sospeso dalla nazionale per due anni e mezzo a causa della sua guida in stato di ebbrezza; ci si affida naturalmente a Christian Eriksen e agli altri "internazionali" di spicco, come il centrale Daniel Agger, il terzino sinistro dell'Ajax Nicolai Boilesen e l'esterno Krohn-Dehli, che aveva giocato un ottimo Europeo la scorsa estate. Lo schema dovrebbe essere il classico 4-2-3-1 dei danesi, con Bendtner unica punta ed Eriksen a supporto. 

QUI ITALIA - Cesare Prandelli ha deciso di rimandare alla partita contro l'Armenia il ritorno in campo di Giuseppe Rossi: nelle sue idee Pepito farà coppia con Mario Balotelli, e siccome l'attaccante del Milan salterà la Danimarca (indolenzimento all'adduttore) anche il neo acquisto della Fiorentina si siede in panchina. Così, domani si dovrebbe vedere dal primo minuto Osvaldo, che il CT ha provato come unica punta nell'ormai rodato 4-3-2-1, con il supporto di Candreva e Giaccherini che a tutti gli effetti dovrebbero essere titolari. Scalpita anche Diamanti, la soluzione qui potrebbe essere di arretrarlo a centrocampo; tuttavia, i favoriti per la mediana sembrano essere Montolivo come regista e la coppia Thiago Motta-Marchisio come mezzali. In difesa, possibile l'inserimento di De Silvestri e Balzaretti dal primo minuto, con Ranocchia e Chiellini al centro. Riposo dunque per Andrea Barzagli, mentre non dovremmo vedere nemmeno in panchina Verratti e Insigne: i due hanno accusato affaticamento muscolare e non saranno rischiati, per essere poi eventualmente disponibili per l'Armenia. Quando tornerà anche Mario Balotelli: allora, forse vedremo all'opera quella che per Prandelli è la formazione titolare. Senza dimenticarsi di chi non è qui ma ci sarà in Brasile: sicuramente Daniele De Rossi, probabilmente Francesco Totti sul quale è già partita la grande campagna mediatica.

< br/>
© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.