BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Nazionale/ Ranking Fifa, battere l'Armenia per essere testa di serie ai Mondiali 2014 dopo le qualificazioni

Il ranking Fifa sarà decisivo per determinare quali saranno le teste di serie dei Mondiali 2014: l'Italia al momento lo sarebbe, ma per essere sicura deve vincere martedì con l'Armenia

Cesare Prandelli (Infophoto) Cesare Prandelli (Infophoto)

MONDIALI BRASILE 2014: RANKING FIFA PER LE TESTE DI SERIE – Centrare la qualificazione era l'obiettivo fondamentale, e l'abbiamo centrato con due partite d'anticipo. Ora però sarebbe cosa gradita anche essere testa di serie per la fase a gironi dei Mondiali 2014. Questo dipende dal ranking Fifa di questo mese, che sarà deciso dopo le partite di martedì. Le teste di serie degli otto gironi saranno il Brasile padrone di casa e le prime sette nella classifica mondiale Fifa. L'Italia al momento è in questo gruppo d'élite, ma non ha ancora la certezza di esserlo dopo la partita che la Nazionale giocherà martedì sera a Napoli contro l'Armenia, ultimo impegno del nostro girone. Dopo il 2-2 di ieri sera in Danimarca ci sono ovviamente tre possibilità aperte. La vittoria contro gli armeni darebbe la matematica certezza di rimanere tra le prime e quindi di essere testa di serie in Brasile. In caso di parità invece l'Italia (ora quarta) salirebbe a quota 1136 punti, zona critica per diversi motivi. La Colombia e Uruguay potrebbero superarci vincendo l'ultima partita del girone sudamericano, fermo restando che però l'Uruguay molto probabilmente dovrebbe poi passare dagli spareggi intercontinentali per approdare in Brasile; il Belgio battendo la Croazia ci ha già superato ieri sera; anche la Svizzera bissando il successo in Albania contro la Slovenia ci supererebbe. La situazione però sarebbe ancora più complicata in caso di una clamorosa sconfitta al San Paolo. In quel caso l'Italia si fermerebbe a quota 1110 punti con l'Olanda (ora nona) che ci scavalcherebbe nella speciale classifica. Certo, il ranking è una classifica cervellotica: giusto per fare un esempio, è vero che Belgio e Svizzera sono state grandi protagoniste dei loro gironi, ma come è possibile che siano davanti all'Olanda, anch'essa protagonista di un grande girone ma soprattutto finalista uscente? Tuttavia, è chiaro che rimanere tra le migliori otto darebbe vantaggi, come evitare la Spagna, la Germania, il Brasile oppure l'Argentina nella prima fase. A patto di non fare come nel 2010: tutti erano entusiasti di avere pescato (da testa di serie) Paraguay, Nuova Zelanda e Slovacchia come avversarie, ma poi sappiamo come è finita...

© Riproduzione Riservata.