BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Danilo Di Luca/ Chiesta la squalifica a vita per il ciclista abruzzese

Pubblicazione:lunedì 14 ottobre 2013

Danilo Di Luca (Infophoto) Danilo Di Luca (Infophoto)

CICLISMO DOPING, DI LUCA - Squalifica a vita. Per Danilo Di Luca questa è la richiesta, che definiremmo quasi inevitabile, avanzata dalla Procura Antidoping del Coni, guidata da Tammaro Maiello, che ha deferito oggi al Tribunale nazionale il ciclista abruzzese. Di Luca fu trovato positivo ad un test nel corso (anzi, ad essere precisi ancora prima della partenza) dell'ultimo Giro d'Italia, al quale partecipò in extremis con la Vini Fantini-Selle Italia, che gli aveva dato fiducia nonostante precedenti pesanti. Il corridore abruzzese, 37 anni, era già stato squalificato due volte: nel 2007, anno in cui vinse il Giro, per il coinvolgimento nell'inchiesta Oil for Drugs e nel 2009 per la positività all'Epo-Cera sempre nella Corsa Rosa che quell'anno aveva chiuso al secondo posto, poi cancellato. Fiducia che Di Luca ha tradito cadendo nelle maglie dell'antidoping per la terza volta, e da questi elementi si capisce pure la richiesta della giustizia sportiva. Il deferimento per Di Luca è scattato "in ordine alla violazione dell'art. 2.1 del codice Wada in relazione alla positività per presenza di Eritropoietina ricombinante riscontrata in occasione del controllo antidoping disposto out of competition (fuori dalla gara, ndR) dall'Unione Ciclistica Internazionale (Uci)" del 29 aprile 2013, cioè qualche giorno prima della partenza da Napoli. La Procura Antidoping, nel deferimento riguardante il corridore vincitore del Giro d'Italia del 2007, ricorda che si tratta della "seconda violazione della normativa antidoping Wada" (dopo i due anni di stop rimediati nel 2010 per le vicende del 2009) e oltre alla "squalifica a vita" ne chiede quindi 'invalidazione dei risultati agonistici conseguiti successivamente al prelievo biologico". La notizia della positività arrivò nel giorno dell'annullamento della tappa della Val Martello, certamente il più difficile del Giro di quest'anno, e non solo per il clima.



© Riproduzione Riservata.